Blason Giacomo: differenze tra le versioni


 
Riga 10: Riga 10:
 
<center>
 
<center>
 
<Gallery perrow=3 caption="Galleria di immagini" widths=270px heights=270px>
 
<Gallery perrow=3 caption="Galleria di immagini" widths=270px heights=270px>
Immagine:BlasonGiacomo.jpg|Giacomo Blason
+
image:BlasonGiacomo.jpg|Giacomo Blason
 
image:Giacomo Blason.jpg
 
image:Giacomo Blason.jpg
File:blasox.jpg|Blason durante Lazio-Bologna del 7 febbraio 1937
+
image:blasox.jpg|Blason durante Lazio-Bologna del 7 febbraio 1937
Immagine:Blason2.jpg
+
File:Blas38.jpg|Blason nel 1938
+
 
image:Blason1937.jpg|Blason nel [[1937]]
 
image:Blason1937.jpg|Blason nel [[1937]]
 +
image:Blason2.jpg
 +
image:Blas38.jpg|Blason nel [[1938]]
 
image:Blason4.jpg|Le notevoli doti fisiche di Blason
 
image:Blason4.jpg|Le notevoli doti fisiche di Blason
 
image:Blason3.jpg|
 
image:Blason3.jpg|
Immagine:Blason.jpg
+
image:Blason.jpg
 
image:Viola_Levratto_Blason.jpg|Da sinistra: il nuovo allenatore [[Viola Joszef|Viola]], [[Levratto Felice Virgilio|Levratto]], la sig.ra Levratto con la figlia, Blason prossimo alle nozze
 
image:Viola_Levratto_Blason.jpg|Da sinistra: il nuovo allenatore [[Viola Joszef|Viola]], [[Levratto Felice Virgilio|Levratto]], la sig.ra Levratto con la figlia, Blason prossimo alle nozze
File:blas.jpg|Blason alla metà degli anni '60 quando allenava la S.P.A.L.
+
image:blas.jpg|Blason alla metà degli anni '60 quando allenava la S.P.A.L.
 +
image:Blason figu.jpg|Una figurina di Blason allenatore della S.P.A.L.
 
</Gallery>
 
</Gallery>
 
</center>
 
</center>

Versione attuale delle 23:06, 9 nov 2019

Giacomo Blason

Portiere, nato a Fiumicello (UD) il 19 marzo 1914 e deceduto a Monfalcone (GO) il 3 febbraio 1998.

Venne acquistato nel 1934 dalla Triestina per 175.000 lire allo scopo di sostituire Ezio Sclavi. Nel corso della sua permanenza alla Lazio si rivelò come uno dei portieri più continui ed affidabili della serie A. Proverbiali la sua prontezza nelle uscite e un'impressionante forza nelle gambe che gli permisero di evitare goal con balzi formidabili. Disputa 6 stagioni in maglia biancoceleste. A Roma era conosciuto anche per l'amore che provava verso il suo spinone di nome Pilù da cui non si separava mai e che svolgeva gli allenamenti con tutta la squadra. Inoltre era bonariamente preso in giro dai compagni in quanto proveniva da una famiglia di falegnami che costruivano anche casse da morto. Una presenza con la Nazionale B. Nel 1940 venne ceduto al Napoli, in seguito milita nella Roma. Con la Lazio colleziona 150 presenze in Campionato. Terminata la carriera da calciatore intraprende quella di allenatore sedendo sulla panchina di Mestrina (1960-1963), Spal (1963/64) e Savoia (1965-1966).





Torna ad inizio pagina