Ceccarini Aldo: differenze tra le versioni


 
Riga 1: Riga 1:
 
[[File:cecaldo.jpg|thumb|left|200px|Aldo Ceccarini]]
 
[[File:cecaldo.jpg|thumb|left|200px|Aldo Ceccarini]]
 
[[File:ceccarinix.jpg|thumb|right|200px|Aldo Ceccarini nel 1935]]
 
[[File:ceccarinix.jpg|thumb|right|200px|Aldo Ceccarini nel 1935]]
Atleta e tecnico della sezione Ciclismo. Classe [[1915]]. Nativo di Cisterna di Latina, è il corridore di punta nei primi anni di attività della Sezione Ciclismo. Con la maglia biancoceleste si rilancia dopo alcune stagioni anonime e nel [[1940]] si aggiudica, come indipendente, 5 gare tra le quali la Coppa Stocchi e il Premio d'Estate. L'anno successivo conferma la vena ritrovata aggiudicandosi  la Coppa Marinelli, la Coppa Leoni e la Coppa Evangelisti. Chiude la sua avventura agonistica nel [[1942]], anno avaro per lui di soddisfazioni. Nel [[1947]] è il Direttore Sportivo della Sezione.
+
Atleta e tecnico della sezione Ciclismo. Classe [[1915]]. Nativo di Cisterna di Latina, è il corridore di punta nei primi anni di attività della Sezione Ciclismo. Verso la metà degli anni Trenta è uno dei più forti esponenti del ciclismo laziale ottenendo molte vittorie indossando la maglia della Forza e Coraggio Macao. Con la S.S. Lazio si rilancia dopo alcune stagioni anonime e nel [[1940]] si aggiudica, come indipendente, 5 gare tra le quali la Coppa Stocchi e il Premio d'Estate. L'anno successivo conferma la vena ritrovata aggiudicandosi  la Coppa Marinelli, la Coppa Leoni e la Coppa Evangelisti. Chiude la sua avventura agonistica nel [[1942]], anno avaro per lui di soddisfazioni. Nel [[1947]] è il Direttore Sportivo della Sezione.
  
  

Versione attuale delle 09:51, 13 lug 2020

Aldo Ceccarini
Aldo Ceccarini nel 1935

Atleta e tecnico della sezione Ciclismo. Classe 1915. Nativo di Cisterna di Latina, è il corridore di punta nei primi anni di attività della Sezione Ciclismo. Verso la metà degli anni Trenta è uno dei più forti esponenti del ciclismo laziale ottenendo molte vittorie indossando la maglia della Forza e Coraggio Macao. Con la S.S. Lazio si rilancia dopo alcune stagioni anonime e nel 1940 si aggiudica, come indipendente, 5 gare tra le quali la Coppa Stocchi e il Premio d'Estate. L'anno successivo conferma la vena ritrovata aggiudicandosi la Coppa Marinelli, la Coppa Leoni e la Coppa Evangelisti. Chiude la sua avventura agonistica nel 1942, anno avaro per lui di soddisfazioni. Nel 1947 è il Direttore Sportivo della Sezione.