Domenica 23 marzo 1997 - Vicenza, stadio Romeo Menti - Vicenza-Lazio 0-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo


Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1996/97 - 25ª giornata - Vicenza-Lazio 0-2

VICENZA: Mondini, Sartor, Belotti, G. Lopez, D'Ignazio (46' Ambrosetti), Otero, Di Carlo, Amerini (63' Iannuzzi), Maini, Beghetto, Murgita (73' Cornacchini). n.e. Brivio, Rossi, Viviani, Gentilini. All. Guidolin.

LAZIO: Marchegiani, Negro, Chamot, Nesta, Favalli, Fuser, Nedved, Venturin, Gottardi, Buso, Signori (5' Rambaudi 90' Piovanelli). n.e. Orsi, Fish, Grandoni, Marcolin, Baronio. All. Zoff.

Arbitro: Bolognino (Milano).

Marcatori: 19' Nedved, 90' Fuser.

Note: Partita sospesa 7 minuti per intemperanze del pubblico. Espulsi: Lopez (proteste) 35' s.t.; Buso e Di Carlo (reciproche scorrettezze) 54' s.t. Ammoniti: Nesta, Favalli, DI Carlo, Nedved, Fuser. Recuperi: 2' piu' 10'.

Spettatori:

Dall'Unità del 24/3/1997
Finisce con la gente che piange per i lacrimogeni lanciati dalla polizia contro i tifosi vicentini che scagliavano sassi e altri oggetti contundenti. Minuti di grande tensione dopo quelli gia' trascorsi in campo, dove l'arbitro Bolognino al 35' della ripresa ha dovuto sospendere l'incontro per 7 minuti a causa dell'invasione di campo di alcuni tifosi del Vicenza. Gia' nel primo tempo in gradinata Sud era comparso uno striscione con scritto <Figc mafia>, ma a scatenare la reazione di una curva che in passato e' stata cosi' corretta da meritare alla societa' biancorossa anche il premio per il fair- play e' stata l'espulsione di Lopez, reo di offese secondo il guardalinee Gregori, che con la sua segnaLAZIOne ha determinato il provvedimento di Bolognino. Il capitano del Vicenza era entrato in contrasto con Nedved nell'azione incriminata, poi ha negato ogni responsabilita'. <Il fallo l'aveva commesso il giocatore della LAZIO - ha detto Giovanni Lopez - io ho richiamato due-tre volte l'attenzione dell'arbitro anche alzando la voce nella concitazione del momento. Il guardalinee ha detto all'arbitro che io l'avrei insultato con termine pesante, ma non e' vero, so quello che dico e per questo l'espulsione e' ingiusta>. Mentre Lopez si avviava verso lo spogliatoio, con la partita saldamente in pugno della LAZIO che conduceva per 1-0, e' successo il finimondo. Il primo invasore e' stato <placcato> da Cornacchini a meta' campo, ma dalla curva Sud altri lo hanno seguito. Ci hanno pensato allora carabinieri e poliziotti, impegnati in un corpo a corpo nel quale un carabiniere e' stato colpito al volto con un pugno da un tifoso finito in carcere per resistenza a pubblico ufficiale: e' Marco Guzzonato, vicentino di 22 anni. Durante la bagarre, i giocatori del Vicenza, Guidolin e il d. g. Gasparin sono andati a convincere i piu' esasperati a lasciare il campo. Alla fine il gioco e' ripreso, ma la tensione che si tagliava a fette, ancor piu' accresciuta dalla doppia espulsione di Di Carlo e Buso che riuscivano a <beccarsi> nei minuti dell'interminabile recupero (10'). Il nervosismo non e' calato alla fine della partita, e' dovuto intervenire personalmente il direttore generale del Vicenza Gasparin per <salvare> suor Paola (una delle protagoniste della trasmissione di Fazio, <Quelli che il calcio>) dall'assedio di un gruppo di tifosi di casa che le impedivano di uscire da un locale dello stadio. La terna arbitrale ha lasciato il <Menti> sotto scorta. Tre gia' i fermati, ma decine di tifosi vicentini, responsabili della sassaiola a fine gara, verranno denunciati dalla polizia non appena saranno identificati con le riprese tv. E' stato questo il brutto epilogo di una partita che al momento in cui e' avvenuta l'invasione di campo, cioe' al 35' del secondo tempo, vedeva la LAZIO meritatamente in vantaggio grazie al gol di Nedved segnato al 14' e agevolato da un vistoso errore di Belotti. Beppe Signori era gia' in spogliatoio, cinque minuti di gara per capire che proprio non poteva farcela malgrado la voglia di dare una mano ad una LAZIO gia' priva di Casiraghi infortunato e Protti squalificato. Ma la squadra di Zoff si e' aiutata da sola con un'ottima prestazione collettiva contro un Vicenza che aveva qualche giocatore in non buone condizioni fisiche (Sartor, Di Carlo), ma che era anche nettamente sotto tono, mai capace di insidiare seriamente Marchegiani. La LAZIO ha raddoppiato con Fuser (48' della ripresa) quando ormai non c'era piu' partita e tutta l'attenzione era rivolta a quanto avveniva sugli spalti. Il direttore generale vicentino Gasparin e' ora in attesa della sentenza del giudice sportivo. Netta condanna per l'invasione. <La reazione dei tifosi - ha detto Gasparin - e' stata spropositata. Ma si e' sbagliato anche in campo>. Commenta Guidolin: <Non voglio entrare nelle scelte arbitrali, ma e' significativo che il pubblico abbia applaudito al momento dell'invasione. Evidentemente il malcontento per le decisioni dei direttori di gara durante questo campionato ha raggiunto il limite. Sono qui da tre anni e mai mi era successo di vedere il pubblico vicentino cosi' inferocito>.

Fonte: La Stampa