Gratton Guido: differenze tra le versioni


Riga 3: Riga 3:
 
[[image:Gratton Guido.jpg|left|thumb|200px|Guido Gratton]]
 
[[image:Gratton Guido.jpg|left|thumb|200px|Guido Gratton]]
 
[[image:gratton.jpg|right|thumb|200px]]
 
[[image:gratton.jpg|right|thumb|200px]]
 +
[[File:GuidoGratton.jpg|right|thumb|200px|Un giovane Gratton con la maglia del Como]]
 
Centrocampista. Nacque a Monfalcone (TS) il [[23 settembre]] [[1932]] e morì a Firenze il [[26 novembre]] [[1996]]. Una vita di successo sportivo, una maturità problematica e una morte orrenda. Questa la sintesi dell'esistenza di Gratton. Un friulano con la determinazione di quella terra che girò l'Italia dando calci al pallone ma che trovò solo a Firenze la dimensione del campione. Con i viola fece parte di quella linea, genialmente assemblata da Fulvio [[Bernardini Fulvio|Bermardini]], che ancor oggi desta meraviglia: Julinho, Gratton, Virgili, Montuori, [[Prini Maurilio|Prini]]. Due artisti, Julinho e Montuori, un finalizzatore infallibile, Virgili, e due corridori umili ma preziosi, Prini e Gratton. Lo scudetto del [[1955/56]] fu l'apice della sua carriera. Nella [[ACF Fiorentina|Fiorentina]] era arrivato dal Como in cui aveva giocato nel [[1952/53]] per 30 partite segnando 3 reti. Aveva però cominciato nel [[Parma]] in [[serie C]] a soli diciotto anni per poi passare al [[Vicenza]] in [[serie B]] nel [[1951/52]] con 37 partite. Nella Fiorentina rimase per 7 stagioni, dal [[1953/54]] al [[1959/60]] e giocò 193 partite complessivamente e segnò 28 reti. Fu un giocatore concreto e generoso ma anche tecnicamente valido, sempre pronto a farsi trovare libero e a correre in aiuto dei compagni in difficoltà. Robusto fisicamente, un normolineo (m 1,75, kg 77) granitico e duro, fu chiamato in Nazionale A per 11 volte con 3 reti e in Nazionale B per 3 gare e 1 goal. Nel [[1960/61]] andò a Napoli e giocò per 18 partite con 2 reti. Nel [[1961/62]] fu acquistato dall'Inter, ma non venne mai preso in considerazione dall'allenatore nerazzurro Herrera e nel mercato autunnale fu poi ceduto alla Lazio. Con i biancocelesti capitolini chiuse mestamente la carriera in serie B dando un contributo molto limitato: solo 5 partite ed una rete. I sostenitori laziali lo ricordano con affetto per la carica di serietà e di simpatia che possedeva. Dopo un anno tornò a Firenze e poi tentò con poco successo la carriera di allenatore a Pagani, a Salerno e a Foligno. Divenne gestore di un circolo di tennis (altro sport che amava) e dipingeva per passione. Sperperò con iniziative sbagliate i suoi guadagni e anche la sua vita sentimentale fu movimentata. La sera del [[18 novembre]] [[1996]], mentre era al circolo, fu aggredito selvaggiamente da sconosciuti a colpi di sedia e di racchetta, probabilmente in un tentativo di rapina. Venne trovato in una pozza di sangue in coma e privo del portafoglio. Si tentò di salvarlo ma il 26 spirò senza riprendere conoscenza. Alle sue esequie in Santa Croce lo salutarono, attoniti, cinquemila Fiorentini.
 
Centrocampista. Nacque a Monfalcone (TS) il [[23 settembre]] [[1932]] e morì a Firenze il [[26 novembre]] [[1996]]. Una vita di successo sportivo, una maturità problematica e una morte orrenda. Questa la sintesi dell'esistenza di Gratton. Un friulano con la determinazione di quella terra che girò l'Italia dando calci al pallone ma che trovò solo a Firenze la dimensione del campione. Con i viola fece parte di quella linea, genialmente assemblata da Fulvio [[Bernardini Fulvio|Bermardini]], che ancor oggi desta meraviglia: Julinho, Gratton, Virgili, Montuori, [[Prini Maurilio|Prini]]. Due artisti, Julinho e Montuori, un finalizzatore infallibile, Virgili, e due corridori umili ma preziosi, Prini e Gratton. Lo scudetto del [[1955/56]] fu l'apice della sua carriera. Nella [[ACF Fiorentina|Fiorentina]] era arrivato dal Como in cui aveva giocato nel [[1952/53]] per 30 partite segnando 3 reti. Aveva però cominciato nel [[Parma]] in [[serie C]] a soli diciotto anni per poi passare al [[Vicenza]] in [[serie B]] nel [[1951/52]] con 37 partite. Nella Fiorentina rimase per 7 stagioni, dal [[1953/54]] al [[1959/60]] e giocò 193 partite complessivamente e segnò 28 reti. Fu un giocatore concreto e generoso ma anche tecnicamente valido, sempre pronto a farsi trovare libero e a correre in aiuto dei compagni in difficoltà. Robusto fisicamente, un normolineo (m 1,75, kg 77) granitico e duro, fu chiamato in Nazionale A per 11 volte con 3 reti e in Nazionale B per 3 gare e 1 goal. Nel [[1960/61]] andò a Napoli e giocò per 18 partite con 2 reti. Nel [[1961/62]] fu acquistato dall'Inter, ma non venne mai preso in considerazione dall'allenatore nerazzurro Herrera e nel mercato autunnale fu poi ceduto alla Lazio. Con i biancocelesti capitolini chiuse mestamente la carriera in serie B dando un contributo molto limitato: solo 5 partite ed una rete. I sostenitori laziali lo ricordano con affetto per la carica di serietà e di simpatia che possedeva. Dopo un anno tornò a Firenze e poi tentò con poco successo la carriera di allenatore a Pagani, a Salerno e a Foligno. Divenne gestore di un circolo di tennis (altro sport che amava) e dipingeva per passione. Sperperò con iniziative sbagliate i suoi guadagni e anche la sua vita sentimentale fu movimentata. La sera del [[18 novembre]] [[1996]], mentre era al circolo, fu aggredito selvaggiamente da sconosciuti a colpi di sedia e di racchetta, probabilmente in un tentativo di rapina. Venne trovato in una pozza di sangue in coma e privo del portafoglio. Si tentò di salvarlo ma il 26 spirò senza riprendere conoscenza. Alle sue esequie in Santa Croce lo salutarono, attoniti, cinquemila Fiorentini.
  

Versione delle 12:49, 2 nov 2011

 Questa voce  è solo un abbozzo: contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di LazioWiki.
Guido Gratton
Gratton.jpg
Un giovane Gratton con la maglia del Como

Centrocampista. Nacque a Monfalcone (TS) il 23 settembre 1932 e morì a Firenze il 26 novembre 1996. Una vita di successo sportivo, una maturità problematica e una morte orrenda. Questa la sintesi dell'esistenza di Gratton. Un friulano con la determinazione di quella terra che girò l'Italia dando calci al pallone ma che trovò solo a Firenze la dimensione del campione. Con i viola fece parte di quella linea, genialmente assemblata da Fulvio Bermardini, che ancor oggi desta meraviglia: Julinho, Gratton, Virgili, Montuori, Prini. Due artisti, Julinho e Montuori, un finalizzatore infallibile, Virgili, e due corridori umili ma preziosi, Prini e Gratton. Lo scudetto del 1955/56 fu l'apice della sua carriera. Nella Fiorentina era arrivato dal Como in cui aveva giocato nel 1952/53 per 30 partite segnando 3 reti. Aveva però cominciato nel Parma in serie C a soli diciotto anni per poi passare al Vicenza in serie B nel 1951/52 con 37 partite. Nella Fiorentina rimase per 7 stagioni, dal 1953/54 al 1959/60 e giocò 193 partite complessivamente e segnò 28 reti. Fu un giocatore concreto e generoso ma anche tecnicamente valido, sempre pronto a farsi trovare libero e a correre in aiuto dei compagni in difficoltà. Robusto fisicamente, un normolineo (m 1,75, kg 77) granitico e duro, fu chiamato in Nazionale A per 11 volte con 3 reti e in Nazionale B per 3 gare e 1 goal. Nel 1960/61 andò a Napoli e giocò per 18 partite con 2 reti. Nel 1961/62 fu acquistato dall'Inter, ma non venne mai preso in considerazione dall'allenatore nerazzurro Herrera e nel mercato autunnale fu poi ceduto alla Lazio. Con i biancocelesti capitolini chiuse mestamente la carriera in serie B dando un contributo molto limitato: solo 5 partite ed una rete. I sostenitori laziali lo ricordano con affetto per la carica di serietà e di simpatia che possedeva. Dopo un anno tornò a Firenze e poi tentò con poco successo la carriera di allenatore a Pagani, a Salerno e a Foligno. Divenne gestore di un circolo di tennis (altro sport che amava) e dipingeva per passione. Sperperò con iniziative sbagliate i suoi guadagni e anche la sua vita sentimentale fu movimentata. La sera del 18 novembre 1996, mentre era al circolo, fu aggredito selvaggiamente da sconosciuti a colpi di sedia e di racchetta, probabilmente in un tentativo di rapina. Venne trovato in una pozza di sangue in coma e privo del portafoglio. Si tentò di salvarlo ma il 26 spirò senza riprendere conoscenza. Alle sue esequie in Santa Croce lo salutarono, attoniti, cinquemila Fiorentini.