Hansen Østergaard John Angelo Valdemar: differenze tra le versioni


Riga 6: Riga 6:
 
[[File:jh.jpg|thumb|left|150px|John Hansen appena giunto a Roma sfoggia sulla giacca lo scudetto della Lazio]]
 
[[File:jh.jpg|thumb|left|150px|John Hansen appena giunto a Roma sfoggia sulla giacca lo scudetto della Lazio]]
 
[[File:jhs.jpg|thumb|right|150px|Hansen a Piazza Venezia insieme al giallorosso Nyers]]
 
[[File:jhs.jpg|thumb|right|150px|Hansen a Piazza Venezia insieme al giallorosso Nyers]]
 +
[[File:jhe.jpg|thumb|left|150px|Hansen in una foto a colori]]
 
Attaccante, nato a Copenaghen (Danimarca) il [[27 aprile]] [[1924]], meglio conosciuto come John Hansen. Muore il [[12 gennaio]] [[1990]].
 
Attaccante, nato a Copenaghen (Danimarca) il [[27 aprile]] [[1924]], meglio conosciuto come John Hansen. Muore il [[12 gennaio]] [[1990]].
  

Versione delle 19:19, 17 nov 2013

 Questa voce  è solo un abbozzo: contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di LazioWiki.
John Hansen
Hansen sale la michelangiolesca cordonata del Campidoglio in compagnia del giallorosso Nyers
J. Hansen appena giunto a Roma tra il mediatore Gigi Peronace e Vivolo
John Hansen appena giunto a Roma sfoggia sulla giacca lo scudetto della Lazio
Hansen a Piazza Venezia insieme al giallorosso Nyers
Hansen in una foto a colori

Attaccante, nato a Copenaghen (Danimarca) il 27 aprile 1924, meglio conosciuto come John Hansen. Muore il 12 gennaio 1990.

Viene acquistato nel 1954 dalla Juventus. Disputa una stagione in maglia biancoceleste e contribuisce con i suoi goal alla salvezza della Lazio nel Campionato 1954/55. Giocatore aitante e completo, faceva della potenza, non disgiunta da un'ottima tecnica, il suo punto di forza. La sua permanenza alla Lazio fu resa difficile da forti dolori ad una gamba che gli impedivano praticamente di allenarsi. Scendeva in campo la domenica e forniva generosamente il suo enorme contributo alla squadra.

Con la Lazio colleziona 27 presenze e 15 reti in Campionato.

Alla fine della carriera calcistica fece ritorno in Danimarca dove divenne rappresentante di una ditta che fabbricava birra e, nel 1956, ricoprì anche il ruolo di direttore tecnico nella squadra del Frem.