Barrera Evaristo Vicente


Evaristo Barrera

Centravanti. Nato a Cruz del Eje, municipio della provincia di Cordoba (Argentina), il 30 dicembre 1911 e deceduto a Novara il 7 giugno 1982. Soprannominato in patria "El omnibus" (il bus). Inizia a giocare con Instituto Central Córdoba e viene acquistato dal Racing Club de Avellaneda nel 1933 per quella che allora era la cifra record di ventidiemila pesos. Con il Racing gioca fino al 1939 totalizzando 136 reti in 142 partite ed aggiudicandosi per due volte il titolo di capocannoniere. Su segnalazione di Alfredo Di Franco, viene acquistato a febbraio del 1939 unitamente ai connazionali Flamini e Pisa. Nella stagione 1938/39 non può però essere tesserato e deve limitarsi a disputare solo partite amichevoli e di allenamento. Prende parte alla trionfale tournée in Germania del giugno 1939, dove la Lazio si aggiudica tutte e quattro le partite disputate contro compagini teutoniche. La stagione successiva entra ufficialmente nell'organico biancoceleste ma trova però poco spazio per la presenza nel ruolo di centravanti di Silvio Piola e un difficile periodo di ambientamento. Colleziona solo 16 presenze di campionato, con 6 reti all'attivo, quasi tutte realizzate verso la fine della stagione. Al bilancio vanno aggiungersi anche 2 presenze in Coppa Italia. La stagione successiva viene quindi ceduto al Napoli. Con i partenopei rimane per due campionati e poi passare all'Ascoli nel 1942/43. Seguono una stagione a Novara (1943/44), il campionato di guerra del 1945 con il Gozzano, un anno alla Cremonese (1945/46) ed infine un campionato di serie D con il Montara (1947/48). Chiusa l'attività agonistica si stabilisce a Novara svolgendo per pochi anni il ruolo di allenatore. Guida prima il Novara Calcio per un paio di stagioni, passando poi a dirigere il settore giovanile della stessa squadra piemontese. Nel 1963/64 la sua ultima esperienza in panchina alla guida del Casale.






Torna ad inizio pagina