De Zucco Italo


Italo De Zucco

Nuotatore, nato a Roma il 3 ottobre 1915 e deceduto a Belluno il 14 febbraio 1990.

Inizia con lo stile libero a quindici anni a Trieste. Nel 1931 fa parte della staffetta triestina 5 x 50 detentrice del primato italiano. Si allena quindi sotto la guida del giapponese Juro Horikoshi e nel 1933 a Roma, tesserato con la Romana Nuoto, passa al dorso. Batte due volte il primato sui 50 metri (35"5 e 34"4) e arriva secondo agli assoluti sui 100 con 1'17"8. Partecipa all'incontro internazionale Italia-Ungheria, piazzandosi primo degli italiani con 1'17"3. Sempre nel '33 partecipa ai Campionati Mondiali Universitari raccogliendo un quarto posto. Eguaglia quindi l'anno successivo il primato nazionale sui 100 dorso. Con la Triestina Nuoto si laurea campione d'Italia negli assoluti migliorando quindi tutti i primati sui 50, 100 e 400 dorso.

Nel 1936 si conferma campione italiano con il primato di 1'13"4. Nel confronto con l'Austria si migliora ulteriormente segnando 1'12"9. Nel biennio 1937 - 1938 svolge gli obblighi di leva come Ufficiale dei Bersaglieri. Nel 1939 è a Roma ed entra alla Lazio. Per i colori biancocelesti conquista 3 titoli nazionali, due nei 100 dorso e uno con la staffetta 3 x 100 dorso assieme ad Silvano Angeli e Luigi Sposito. Interrompe quindi alla fine del 1940 la sua attività agonistica che riprenderà solo nel dopoguerra gareggiando con la Romana Nuoto. Negli anni Cinquanta è giudice arbitro di pallanuoto e nel 1958 Commissario Tecnico della Nazionale che a Budapest raccoglie, guidata da Paolo Pucci, grandi soddisfazioni. In seguito è per breve tempo Vice Presidente della F.I.N. al fianco di Luigi Durand de la Penne e poi nel 1965 a capo della Commissione Tecnica.





Torna ad inizio pagina