Domenica, 11 gennaio 1970 - Torino, stadio Comunale - Torino-Lazio 3-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

11 gennaio 1970 - 1627 - Campionato di Serie A 1969/70 - XVI giornata

TORINO: Pinotti, Poletti, Fossati, Puia, Cereser, Agroppi, Carelli, Facchinello, Sala C., Moschino, Pulici. A disp.: Sattolo, Mondonico. All. Cadé.

LAZIO: Sulfaro, Papadopulo, Facco, Nanni, Wilson, Marchesi, Massa, Governato, Mazzola II, Ghio, Chinaglia. A disp.: Di Vincenzo, Casisa. All. Lorenzo.

Arbitro: Branzoni (Pavia).

Marcatori: 32' Sulfaro (aut), 52' Facchinello, 80' Moschino (rig).

Note: giornata grigia, terreno in discrete condizioni malgrado la neve caduta nei giorni precedenti e raccolta a bordo campo. Ammonito Massa per proteste. Calci d'angolo: 11 a 4 a favore del Torino. Massa è rimasto bloccato per circa sei ore nello spogliatoio, in quanto non riusciva ad effettuare il controllo antidoping.

Spettatori: 10.169 di cui 5.273 abbonati e 4.896 paganti per un incasso di £.6.621.900.

Due immagini della gara

Una Lazio molle e senza gioco inaugura nel peggiore dei modi il girone di ritorno rimediando una dura sconfitta a Torino. I granata sono protagonisti di un'ottima partita condotta da un capo all'altro con la massima convinzione. Lazio in affanno da subito, costretta all'angolo senza mai trovare la forza di arginare le folate degli avversari. Eppure occorre un clamoroso autogoal di Sulfaro affinché il risultato si sblocchi. E' il 32' quando Carelli riesce a liberarsi dall'asfissiante marcatura di Facco e cambia gioco per il giovane Facchinello il quale calcia con potenza verso rete. La palla è destinata sul fondo di circa mezzo metro, ma Sulfaro si getta a terra e la ghermisce. Incredibilmente la sfera sguscia dalle mani del portiere, rientra in campo e con una mezza parabola ad effetto entra in porta. Il Toro continua a spingere per mettere in sicurezza il risultato mentre i biancocelesti continuano a subire senza dare alcun cenno di miglioramento. A centrocampo Nanni, Governato e Mazzola (II) sono soverchiati da Facchinello, Moschino e Agroppi. Quest'ultimo allo scadere è falciato in area da Nanni e Branzoni indica il dischetto. Moschino calcia a sinistra ma Sulfaro con un balzo felino respinge il pallone. Ad inizio ripresa Lorenzo cambia qualche marcatura e invita i suoi a spingersi in avanti, ma Pinotti continua a trascorrere un pomeriggio sereno. Al 52' arriva il raddoppio dei granata. E' Facchinello con un gran tiro da fuori a mezza altezza a battere l'estremo difensore romano. Il pubblico invoca Paolino Pulici che non ha ancora segnato in Campionato, ma il giovane attaccante non è molto fortunato: prima Sulfaro si oppone a una sua fucilata e quindi la traversa viene timbrata da una sua imperiosa girata di testa. A dieci minuti dal termine lo stesso Pulici viene atterrato in area da Papadopulo. Stavolta Moschino non sbaglia malgrado il portiere biancoceleste intuisca la direzione del tiro. La Lazio torna a Roma con tre goal sul groppone e una sconfitta senza attenuanti. Occorre davvero una scossa poiché la stagione si sta molto complicando.