Domenica, 23 settembre 1962 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Simmenthal Monza 0-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

23 settembre 1962 - 2 - Campionato di Serie B 1962/63 - II^ Giornata

LAZIO: Cei, Zanetti, Carosi, Landoni, Seghedoni, Gasperi, Longoni, Florio, Bernasconi, Morrone, Governato. All. Facchini.

SIMMENTHAL MONZA: Rigamonti, Ghioni, Bacis, Ferrero, Cantarelli, Stefanini, Tribuzio, Gotti, Traspedini, Campagnoli, Baruffi. All.Lamanna .

Arbitro: Sig. Babini (Ravenna).

Note: tempo bello, terreno in buone condizioni. Calci d'angolo: 6 - 2 (5 - 2) a favore della Lazio.

Spettatori: 25.000 circa con 14.000 paganti per un incasso di £. 9.000.000.

Dopo il pareggio nell' esordio ad Alessandria, la Lazio cerca i primi due punti nella "prima" all'Olimpico. Debutto in campionato per Morrone, impegnato nel servizio militare, che viene preferito a un Maraschi non convincente nelle ultime uscite. Dopo le prime fasi di studio, tiro dalla distanza di Campagnoli che impegna più del dovuto un Cei un po' sufficiente nella circostanza. Al 13' bella rovesciata di Morrone con pallone non distante dai pali. Spettacolare uscita volante poi di Rigamonti che toglie dalla testa di Governato un pallone insidioso. Al 32' doppio tentativo su punizione di Ferrero senza risultato. Biancocelesti intraprendenti a inizio ripresa. Azione ben combinata tra Morrone e Governato e tiro di quest'ultimo fuori di due metri. Al 49' Longoni si libera bene in dribbling e lambisce la traversa. Poco dopo Zanetti s'infortuna alla caviglia ed è costretto a posizionarsi all'ala. E' proprio il terzino che si rende pericoloso nei minuti successivi. Prima si libera bene sull'out mettendo dentro un ottimo pallone che non trova però nessuno all'appuntamento, poi calcia direttamente a rete non trovando il bersaglio. Tocca poi a Bernasconi cercare la via della rete, ma Rigamonti non si lascia sorprendere nell'occasione come pure per il colpo di testa di Longoni che segue. Al 75' gli ospiti si rifanno vivi con Tribuzio su cui Cei interviene con sicurezza. Negli ultimi minuti le occasioni migliori per i romani a cui si oppone con destrezza un grande Rigamonti. All'81', dopo un tentativo su punizione di Morrone, ci prova Landoni il cui tiro viene deviato dalla barriera: pallone che s'impenna e portiere brianzolo che vola inchiodando la sfera a terra. A quattro minuti dal termine gran tiro dai trenta metri di Gasperi e palla tolta dall'angolino con un'autentica prodezza dal numero uno degli ospiti. Lazio lenta e con attacco troppo leggero. Fischi e mugugni dei tifosi al fischio di chiusura.