Domenica, 7 febbraio 1960 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Bologna 1-3


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

7 febbraio 1960 - Campionato di Serie A 1959/60 - XVIII giornata

LAZIO: Lovati, Lo Buono, Eufemi, Carosi, Janich, Prini, Visentin, Tozzi (Humberto), Rozzoni, Franzini, Bizzarri. All. Caciagli. D.T. Bernardini.

BOLOGNA: Santarelli, Rota, Pavinato, Mialich, Tumburus, Fogli, Renna, Bulgarelli, Pivatelli, De Marco, Cervellati. All. Allasio e Pilmark.

Arbitro: Rebuffo di Milano.

Marcatori: 16' Cervellati, 55' Mialich (aut), 62' Renna, 70' Renna.

Note: alcune fonti attribuiscono l'autorete di Mialich a Rozzoni. Giornata fredda, cielo coperto. Calci d'angolo: 6-1 a favore del Bologna.

Spettatori: 25.000 circa con un incasso di £.8.500.000.

La formazione biancoceleste: Janich, Visentin, Rozzoni, Eufemi, Lovati, Prini; Franzini, Tozzi, Bizzarri, Lo Buono, Carosi
Il provvisorio pareggio laziale
Santarelli respinge di pugno

Parte male il girone di ritorno per la Lazio che evidentemente paga la fatica dei tre impegni sostenuti in una settimana. Il Bologna, che nell'ultimo mese ha molto deluso, risorge con una prestazione convincente sia sotto il profilo tattico quanto atletico. C'è subito lavoro per Bob Lovati ad inizio partita quando dopo una sgroppata di Cervellati, Pivatelli arriva veloce sul centro dell'ala: l'uscita a terra del portierone laziale è esemplare. Al 6' la replica dei romani. Vertiginoso scambio Rozzoni-Tozzi interrotto provvidenzialmente da una estirada di Mialich. Lazio in avanti, Bologna pronto a far scattare il contropiede. Pivatelli vola e Prini è superbo nel recupero. Carosi tocca di mano in area su cross di Pivatelli, ma l'arbitro giudica involontario l'intervento del tiburtino. Al 16' petroniani in vantaggio. Fuga di Renna che centra violento: interviene Cervellati che mette in porta. Mialich interrompe col gomito in area un'azione biancoceleste, quindi al 25' scatto e bolide di Bizzarri che Santarelli inchioda a terra. Ancora Bizzarri poco dopo vicino al goal con un colpo di testa. La Lazio insiste e al 29' Tozzi non riesce a convertire in rete un ottimo suggerimento dell'attivissimo Bizzarri. Dopo un'azione di rimessa di Cervellati che fa rifiatare il pacchetto difensivo emiliano, è nei piedi del giovane Visentin la grande occasione per fare conto pari. L'ala sfonda e si presenta da solo di fronte a Santarelli, preferendo la potenza alla precisione: il portiere ospite riesce con un balzo ad abbrancare il diagonale. Lazio puntigliosa e vibrante ad inzio ripresa. Dopo dieci minuti arriva il meritato pareggio. Prini crossa, Rozzoni raccoglie, addomestica il pallone e con una gran girata spedisce verso porta. Sulla traiettoria s'interpone Mialich e la sfera termina la sua corsa in fondo alla rete. Pochi minuti di serenità e il Bologna ritorna in vantaggio. E' il 62' quando Cervellati imbecca alla grande Renna che entra indisturbato in area e con un diagonale angolatissimo fa fuori Lovati. E' una mazzata per gli uomini di Bernardini che accusano visibilmente il colpo. Al 70' terzo goal del Bologna. Fallo di Carosi su De Marco che s'incarica egli stesso della punizione. Tocco per Renna e tiro che Lovati respinge come può: pallone ancora tra i piedi della giovane ala che non ha difficoltà ad insaccare. Lazio demoralizzata e Bologna che giochicchia tenendo il più possibile la sfera. Ad eccezione di una cannonata dalla distanza di Prini che Santarelli blocca con sicurezza al 74', non resta nient'altro da segnalare se non i fischi delusi dei tifosi laziali al triplice fischio del signor Rebuffo.