Domenica 13 dicembre 1964 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Torino 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 dicembre 1964 - 12 - Campionato di Serie A 1964/65 - XII^ GIORNATA

LAZIO: Cei, Zanetti, Dotti, Carosi, Pagni, Gasperi, Mari, Governato, Petris, Galli, Piaceri. All. Mannocci.

TORINO : Vieri, Poletti, Buzzacchera, Puja, Cella, Rosato, Simoni, Ferrini, Hitchens, Moschino, Meroni. All. Rocco .

Arbitro: Roversi (Bologna).

Marcatori: 42' Galli (rig), 66' Simoni.

Note: cielo parzialmente coperto, temperatura rigida. Ammoniti: Zanetti, Ferrini e Dotti. Espulso al 47' Moschino per proteste. Angoli: 4-4. Incidenti di gioco a Dotti e Poletti.

Spettatori: 25.000 circa con 12.000 paganti per un incasso di £. 12.000.000.

Meroni impegna Cei
Carosi, Ferrini, Governato, Hitchens, Zanetti, Galli e Puja
La prima pagina del Corriere dello Sport
Dal Corsport:la cronaca della partita
Il rigore trasformato da Galli

Un incontro a due facce quello che si disputa all'Olimpico tra la Lazio e il Torino. Piacevole e divertente il gioco nel primo tempo mentre nella ripresa la sciabola prende il posto del fioretto con una espulsione e diverse ammonizioni per gioco falloso. Il pareggio che scaturisce al novantesimo sta stretto ai ragazzi di Mannocci autori di una prova positiva. Il centrocampo biancoceleste (Carosi, Governato e Mari ) conferma l'ottima prova della domenica precedente con la Juventus. La difesa, seppur soffrendo le iniziative di Hitchens e Simoni, appare registrata. Di contro,l'attacco appare ancora una volta il punto debole dei romani: Petris e Piaceri continuano a deludere. I padroni di casa partono di slancio e al 3' un ottimo lancio di Mari non viene sfruttato da Galli e Petris. La risposta granata è immediata e Hitchens, servito da Buzzacchera, centra il palo. All' 8' Mari perde l'attimo fuggente sotto rete dopo una buona iniziativa di Carosi. Dopo un periodo senza emozioni, Hitchens approfitta di uno svarione di Carosi e calcia alto da favorevole posizione. Al 34' Galli svetta di testa costringendo Vieri a una parata a terra. Al 40' Petris spreca malamente una facile occasione sotto porta, ma due minuti più tardi la Lazio riesce comunque a passare. Poletti respinge in area con una mano una fucilata di Mari e Roversi indica senza esitazione il dischetto. Galli è freddo e preciso nell'esecuzione a rete e il suo piatto angolato supera Vieri. A ripresa appena iniziata, Moschino, già ammonito in precedenza, protesta vivacemente con l'arbitro per un fallo non assegnato e il direttore di gara spedisce il numero dieci granata negli spogliatoi. La Lazio potrebbe approfittare della superiorità numerica e mettere al sicuro il risultato nei minuti seguenti, ma prima Petris (clamoroso errore a tre metri dalla porta avversaria) e quindi Piaceri (inutile dribbling ignorando il solitario Mari) falliscono il raddoppio. Il Torino si riorganizza e comincia, seppure in dieci, a mettere in difficoltà i romani. Al 66' al termine di una confusa azione, dopo che Cei ha respinto proprio sulla linea, Simoni riesce ad insaccare. La Lazio tenta di tornare in vantaggio, ma l'occasione più ghiotta matura solamente a tre minuti dal termine.Governato fa tutto bene, ma giunto al cospetto di Vieri calcia debolmente sul portiere granata. Finisce con un pari che lascia l'amaro in bocca ai 25.000 dell'Olimpico.