Domenica 16 aprile 1967 - Vicenza, stadio Romeo Menti - L.R.Vicenza-Lazio 0-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

16 aprile 1967 - 28 - Campionato di Serie A 1966/67 - XXVIII^ Giornata

L.R.VICENZA: Luison, Volpato, Rossetti, Pini, Carantini, Gregori, Maraschi, De Marco, Da Silva, Governato, Ciccolo. All. Pin.

LAZIO: Cei, Dotti, Adorni, Carosi, Pagni, Castelletti, D'Amato, Burlando, Dolso, Marchesi, Bagatti. All. Neri.

Arbitro: Sig. Lo Bello (Siracusa).

Note: giornata di sole molto calda; terreno in perfette condizioni. Presente in tribuna il Vice Allenatore della Nazionale Ferruccio Valcareggi. Ammonito Dotti. Angoli: 2-0 per il L.R. Vicenza.

Spettatori: 10.472 con 5.639 paganti e 4.833 abbonati per un incasso di £. 6.843.400.

Il titolo del Corriere dello Sport
Dall'Unità: la cronaca della gara
Una fase dell'incontro

E' un autentico spareggio per la salvezza quello che si disputa al Menti tra il Lanerossi e la Lazio appaiate in classifica al quart'ultimo posto. I biancocelesti preparono il match nel ritiro di Valdagno e Neri, costretto a rinunciare allo squalificato Morrone, affida a Dolso la maglia dell'argentino. Vista la posta in palio le due squadre si affrontano con molta decisione. Al 5' Cei deve superarsi su un colpo di testa da distanza ravvicinata di Ciccolo. Vicenza intraprendente e Neri è costretto a cambiare marcature a centrocampo: Burlando prende in consegna l'effervescente Gregori mentre Marchesi passa al controllo di Governato. Le cose migliorano e la Lazio controlla bene il gioco. La difesa risponde assai bene con Dotti che cancella Maraschi, Pagni che anticipa con puntualità le mosse di Da Silva e Adorni che mostra i suoi muscoli su Ciccolo; anche Castelletti, dopo due sbavature iniziali, riesce a fornire un ottimo contributo. Al 27' la squadra riesce a proporsi anche in avanti. Dolso arriva con un istante di ritardo su dosato cross di D'Amato il quale poco dopo parte in slalom superando quattro biancorossi per poi perdere, senza l'assistenza di alcun compagno, un'ottima possibilità. A inizio ripresa Bagatti si mette in mostra con un bel tiro che si perde sul fondo non di molto. Al 56' grosso pericolo per i romani. Traversone di Ciccolo e finta di Governato che sbilancia la retroguardia biancoceleste: Da Silva calcia a colpo sicuro trovando però sulla sua strada un reattivo Cei. Al 65' azione imbastita da Carosi e rifinita da Dolso per D'Amato che viene steso dal rude Carantini. Grande palla goal per i padroni di casa al 74' allorchè dopo una respinta di Cei, Governato si trova di fronte la porta sguarnita, ma il tiro del grande ex è fiacco e un difensore può recuperare. A cinque minuti dal termine è la Lazio a doversi lamentare. Dolso riesce a trovare un corridoio per D'Amato che supera Carantini e Pini invitando Luison all'uscita. Un rimbalzo fasullo del pallone inganna la punta che alza il pallone sopra la traversa. Finisce con un pari più importante per la Lazio che non per il Vicenza. Soddisfazione negli spogliatoi con Lenzini che ringrazia i suoi ragazzi per la gagliarda prova sostenuta.