Domenica 23 febbraio 1947 – Torino, stadio Filadelfia - Torino-Lazio 5-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

23 febbraio 1947 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1946/47 - XXI giornata

TORINO: Bacigalupo, Ballarin, Rosetta, Grezar, Rigamonti, Maroso, Menti, Martelli, Gabetto, Mazzola, Ferraris (II).

LAZIO: Giubilo, Cassano, Antonazzi, Sessa, Gualtieri, Ferri, Puccinelli, Magrini, Ispiro, Flamini, Koenig.

Arbitro: sig. Codeluppi di Lodi.

Marcatori: pt 31' Mazzola, st 17' Gabetto, 23' Mazzola, 28' Menti, 34' Koenig, 35' Mazzola.

Note: spettatori 15.000 per un incasso di lire 2 milioni e 400 mila. Cielo e temperatura primaverili. Il terreno, per quanto cosparso di segatura, si presenta fangoso. Al 25' del st Cassano, infortunato, si sposta all'ala sinistra. I granata hanno giocato con il lutto al braccio per la scomparsa del padre del loro vicepresidente conte Lora Totino.

Il titolo del Messaggero
Giubilo si dispera dopo aver subito il primo goal di Mazzola
La schedina della S.I.S.A.L.

I biancocelesti hanno improntato la loro partita sulla difesa ad oltranza e inoltre hanno praticato un gioco duro e falloso. Finché le energie hanno sorretto i biancocelesti, il Torino non ha avuto vita facile, ma una volta segnato il secondo goal ha assediato il povero Giubilo che, se ha sulla coscienza il primo punto, molto ha fatto per limitare il passivo. Solo un merito può essere ascritto alla Lazio: la volontà. E questa non è bastata per resistere al gioco di qualità dei torinisti.

Il primo goal si è avuto al 31': Rigamonti passa a Mazzola che spara in porta forte ma da lontano. Giubilo para il tiro, ma poi, incredibilmente, la palla gli sguscia dalle mani e termina la sua corsa in rete tra la disperazione del numero uno laziale. Ad un minuto dalla fine del pt Bacigalupo viene impegnato da un bel tiro di Koenig. Al 17' della ripresa Ballarin batte una punizione e la palla finisce a Gabetto che scarta Antonazzi e Cassano e batte d'astuzia Giubilo. Al 23' Mazzola colpisce di testa su cross corto di Martelli e supera ancora Giubilo. Menti porta a 4 le reti con un tiro fortissimo da posizione angolata e difficile. Il Torino a questo punto si rilassa leggermente e Koenig, in azione solitaria, batte Bacigalupo. E' il 34', ma dopo solo un minuto, dopo un palo di Martelli, Mazzola riprende la sfera e infila la porta tra una selva di gambe. L'arbitraggio di Codeluppi, nel complesso positivo, è stato troppo permissivo nei confronti dei fallosi giocatori laziali.