Domenica 26 giugno 1966 - Caracas - Valencia-Lazio 1-0


Stagione


Torneo Simon Bolivar 1966 - 2° incontro

VALENCIA: Pesudo, Tatono, Mestre, Vidagany, Paquito, Roberto, Poli, Guillot, Anzola, Waldo, Munoz.

LAZIO: Cei, Dotti, Vitali, Carosi, Pagni, Gasperi, Renna, Galli, Rozzoni, Proietti Farinelli, D'Amato. All. Lovati.

Arbitro: sig. Isasias (Venezuela).

Marcatore: 61’ Waldo.

Note: cielo sereno, terreno allagato. Numerosi incidenti tra i giocatori, soprattutto nelle ripresa. Espulsi nel secondo tempo al 15' Renna e Mestre per reciproche scorrettezze, al 34' Gasperi per un duro intervento su Waldo ed al 35' Anzola per un calcio a Cei. Ammonito Guillot. Calci d'angolo: 6 a 3 a favore del Valencia. Larghissima rappresentanza sugli spalti della colonia italiana.

Spettatori: 11.000.

La cronaca e il tabellino de "L'Unità"
Il titolo del Corsport
Dal quotidiano spagnolo ABC

Lazio in progresso rispetto alla partita del debutto nel Torneo "Bolivar" , ma anche in questo caso arriva la sconfitta. Lovati posiziona Gasperi come libero, inserendo il vecchio Galli e il giovane Proietti Farinelli a centrocampo. Nel primo tempo la superiorità del Valencia è netta, ma un Cei strepitoso nega agli spagnoli di passare in vantaggio. Nella ripresa i biancocelesti allentano la pressione avversaria cominciando a rendersi pericolosi. Al 50' D'Amato fa fuori mezza difesa e giunto solo di fronte a Pesudo invece di battere a rete, tenta il dribbling anche sul portiere il quale riesce con un guizzo a rimediare. Quando l'ora di gioco è appena passata, la partita s'infiamma per i colpi proibiti tra Renna e Mestre che finiscono entrambi espulsi dal terreno di gioco. Un minuto dopo arriva il vantaggio del Valencia. Munoz crossa teso al centro e il brasiliano Waldo di testa insacca. I romani reagiscono e Pesudo riesce con alcuni buoni interventi a mantenere inviolata la propria porta. L'incontro è veloce e sentito tra le due antagoniste. Al 79' Gasperi è autore di un fallo violento su Waldo e Isasias non può che mostrargli il cartellino rosso. Stessa procedura è applicata nei confronti di Ansola che scalcia Cei. Finisce con una sconfitta immeritata, al termine di una partita discreta. Ezio Luzzi sulle pagine del Corriere dello Sport indica in Proietti Farinelli il miglior uomo in campo.