Domenica 28 febbraio 1960 - Vicenza, stadio Menti - L.R.Vicenza-Lazio 3-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

28 febbraio 1960 - Campionato di Serie A 1959/60 - XXI giornata

L.R. VICENZA: Bazzoni, Burelli, Savoini, De Marchi, Panzanato, Zoppelletto, Conti, Menti, Cappellaro, Leopardi, Fusato. All. Lerici.

LAZIO: Lovati, Molino, Del Gratta, Carradori, Janich, Carosi, Mariani, Joan, Rozzoni, Franzini, Prini. All. Bernardini.

Arbitro: Righi di Milano.

Marcatori: 11' Fusato, 26' Prini, 71' Rozzoni, 73' Conti, 76' Conti.

Note: tempo bello, terreno in buone condizioni. Esordio in serie A per Sandro Joan classe 1939. Calci d'angolo: 5-5.

Spettatori: 8.000 circa.


La marcatura di Orlando Rozzoni
Joan in azione

Ben cinque sono i giocatori indisponibili per la trasferta a Vicenza (Tozzi (Humberto), Bizzarri, Visentin, Pozzan e Lo Buono ) e così Bernardini fa esordire in avanti il giovane Joan. E' una partita delicata per entrambe le formazioni la cui classifica è poco tranquilla. E' Lovati il primo portiere ed essere impegnato con una deviazione in angolo su puntata di Cappellaro. Poco dopo un tiro dalla lunga distanza di De Marchi si perde sul fondo. Al 9' prima sortita laziale con un colpo di testa di Rozzoni che Bazzoni intercetta. All'11' padroni di casa in vantaggio. Burelli, a cui Prini concede troppa libertà, avanza e crossa preciso per la testa di Fusato che mette alle spalle di Lovati. Al 15' e al 20' è Joan a cercare il pareggio con due iniziative poco fortunate. E' allora Prini a rimettere le sorti in equilibrio al minuto numero 26. Dialogo Rozzoni-Mariani e pennellata per la testa del numero 11 che non sbaglia. Il pareggio testimonia con esattezza i valori mostrati dalle due squadre in campo. Alla ripresa del gioco la contesa sale su di giri. Cappellaro al 48' getta al vento una buona opportunità e quindi Franzini viene bloccato in zona goal dalla coppia Panzanato-Savoini. Grande risposta al 61' di Lovati su stangata di Burelli. Due minuti più tardi Joan, forse tradito dall'emozione, fallisce una comoda palla goal. Al 71' una prodezza di Rozzoni porta in avanti la Lazio. Savoini spezza una trama biancoceleste e respinge sui piedi di Molino che crossa rapido per il centravanti che vola in cielo, anticipa l'uscita di Bazzoni e scuote la rete biancorossa. E' un vantaggio prezioso, che andrebbe custodito con la massima attenzione, ma la squadra si perde nei minuti successivi tra paure ed errori banali. I padroni di casa ne approfittano e ribaltano il risultato. Al 73' Conti, in un'area affollata da ben 8 biancocelesti, raccoglie un traversone del solito Burelli e in girata fulmina in rete. Dopo un faticoso salvataggio di Lovati è ancora Conti ad essere protagonista. L'ala approfitta di una vistosa incertezza di Del Gratta e da pochi passi insacca il goal del vantaggio. Furente è la reazione dei romani e Rozzoni imperversa. All' 84' la sua conclusione esce fuori di un soffio e quasi allo scadere un suo pallone supera Bazzoni, ma Zoppelletto rimedia in extremis salvando la vittoria per i suoi. La quarta sconfitta consecutiva relega la Lazio in una posizione critica in classifica. La Juve comanda con 34 punti, quindi Fiorentina e Milan (p.30), Internazionale (p.28), Padova (p.24), Bologna (p.23), S.P.A.L. (p.22), Atalanta (p.21), L.R.Vicenza (p.20), Udinese (p.19), Roma e Sampdoria (p.18), Padova (p.17), Lazio e Napoli (p.16), Bari, Genoa e Alessandria (p.14).