Domenica 28 maggio 1950 - Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Venezia 2-0


Stagione

Turno precedente

28 maggio 1950 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1949/50 - XXXVIII giornata

LAZIO: Sentimenti (IV), Antonazzi, Remondini, Furiassi, Alzani, Sentimenti (III), Puccinelli, Magrini, Hofling, Flamini, Penzo (I). All. Sperone.

VENEZIA: Caburlotto, Bellesini, Lucchi, Sandroni, Chiappin, Leduc, Massagrande, Nicolich, Golob, Renosto, Degano. All. Fiorentini.

Arbitro: sig. Casini di Palermo.

Marcatori: pt 13' Puccinelli, st 37' Puccinelli.

Note: spettatori 16000. Tempo bello, terreno duro. Calci d'angolo 5-2 a favore della Lazio.

28mag50a.jpg
Il portiere lagunare anticipa l'intervento di Magrini

Il Venezia ha messo tanta volontà e impegno per portarsi via un punto da Roma, ma una spenta Lazio ha delle individualità che possono risolvere le partite in ogni momento. I biancocelesti hanno giocato con sufficienza e poi oggi l'attacco ha avuto uomini in pessima giornata. Ma altri, Flamini, Magrini e Puccinelli in primis, sanno come approfittare degli errori altrui e oggi così è stato. Il Venezia ha schierato in porta il giovane esordiente Caburlotto e il ragazzo ha mostrato qualità che hanno limitato il passivo per la sua squadra. I goal falliti dagli attaccanti laziali non si contano. Forse l'impegno prestigioso di martedì contro il Glasgow, ha convinto i biancocelesti a non stancarsi troppo e pure la concentrazione può essere minore se davanti ci si trova una squadra nettamente più debole come il Venezia odierno. Anche Leduc ha giocato bene e Massagrande, Renosto e Degano non hanno mai mollato. La Lazio ha contenuto, non senza difficoltà, gli sporadici attacchi neroverdi e in avanti si è giovata della buona giornata di Puccinelli ben coadiuvato, come già detto, da Magrini e Flamini. Il primo goal, al 13', nasce da Flamini che s'impossessa di un pallone vagante e, dopo esser avanzato, porge di precisione allo scattante Puccinelli: il tiro secco e preciso dell'ala non lascia scampo a Caburlotto, che pure aveva toccato il pallone. Al 37' della ripresa Alzani allunga per Sentimenti (III) che chiama in causa Puccinelli. Anche questa volta la piccola ala non ci pensa due volte e da 8 metri regala il secondo goal alla sua squadra, nonostante il tentativo di Sandroni di evitare la rete.

Alcune fasi del match