Domenica 30 agosto 1970 - Palermo, - Palermo-Lazio 1-2


Stagione

Turno successivo

30 agosto 1970 - 1650 - Coppa Italia 1970/71 - Girone 8 - Gara 1

PALERMO: Girardi, Sgrazzutti, Pasetti, Lancini, Bertuolo, De Bellis, Perucconi (70' Alario), Landoni, Troja, Vanello, Bercellino II (65' Ferrari). A disp.: Ferretti, Costantini, Reja. All: Di Bella (in panchina il segretario Bracco).

LAZIO: Sulfaro, Wilson, Facco, Governato (77' Nanni), Polentes, Marchesi, Massa, Mazzola (II), Chinaglia, Manservisi, Morrone. A disp.: Moriggi, Papadopulo, Legnaro, Dolso. All. Lorenzo (in panchina il dirigente Guido Giambartolomei).

Arbitro: Bianchi (Firenze).

Marcatori: 21' Chinaglia, 26' Landoni, 65' Massa.

Note: pomeriggio torrido. La partita è iniziata con 15 minuti di ritardo in quanto l'arbitro non concedeva alle due societa' di far sedere in panchina i tecnici Di Bella e Lovati (in quanto Lorenzo squalificato). Ammoniti: Landoni, Governato e Lancini. Terreno in pessime condizioni a seguito di un concerto pop tenutosi allo stadio nelle settimane precedenti.

Spettatori: 25.000 circa .


Polentes in azione

Prima partita ufficiale della stagione per la Lazio che scende alla Favorita per il debutto in Coppa Italia con il Palermo. Le due squadre sono inserite nell'ottavo girone della competizione insieme alla Roma e al Catanzaro. "Chinaglia e Massa si sono presentati" titola il Corriere dello Sport" con un articolo dell'inviato Mario Pennacchia. Dopo venti minuti senza emozioni la gara s'infiamma con la prima segnatura di Chinaglia che, su punizione calciata da Mazzola, approfitta del salto a vuoto di Bertuolo e Sgrazzutti, mette palla a terra con il petto e con un tocco morbido d'esterno supera Girardi in disperata uscita.

Ancora il numero 9 protagonista dopo 120 secondi con una cannonata che pizzica la traversa. Al 26' i rosanero colgono il pareggio con l'ex Landoni che converte in rete un cross di Troja. Prima frazione di gioco che si conclude con un'occasione per parte. Alla ripresa Palermo subito insidioso con l'effervescente Troja che impegna severamente Sulfaro. Da quel momento sino al termine la Lazio diviene padrona del campo con tante occasioni sprecate di un soffio. Il gol del successo è di Massa che conclude con un bolide all'incrocio dei pali una prolungata serie di passaggi al limite dell'area tra Mazzola e Chinaglia. Vittoria meritata per una Lazio in buone condizioni. Pennacchia elogia soprattutto i due veterani, Governato e Morrone, apparsi in campo tirati a lucido come due ragazzi. Nell'altro incontro del girone, la Roma s'impone a Catanzaro per 2-1 e per il Derby del 6 settembre le due squadre romane si presentano così in perfetto equilibrio.