Domenica 30 agosto 1987 - Roma - Lazio-Lecce 1-0


Coppa Italia 1987/88 - Gara 3 girone 8 - Lazio-Lecce 1-0

LAZIO: Martina, Acerbis (7' Brunetti), Beruatto, V.Esposito, Gregucci, R.Marino, Caso (62' Savino), Camolese, Galderisi, G.Pin, Monelli (58' Rizzolo). A disp. Fiori, Nigro. All. Fascetti.

LECCE: Braglia, Garzya, Miggiano, Enzo, Perrone, Vanoli, Moriero (56' Morello), Barbas, Pasculli, Panero, Levanto. A disp. Latella, Colombo, Conte e Monaco. All. Mazzone.

Arbitro: Bergamo (Livorno).

Marcatori: 44' Monelli.

Note: Ammoniti Perrone, Brunetti, Levanto e Gregucci. Angoli 7-6 per la Lazio

Spettatori:20.000 circa


Il biglietto della partita
Il tabellino de "La Gazzetta del Mezzogiorno"


La Lazio resta in corsa nel girone di qualificazione di Coppa Italia grazie a questa difficile vittoria sul Lecce di Mazzone, probabile avversaria dei biancocelesti anche per la promozione in A. Decide in chiusura di primo tempo una rete di Monelli che approfitta di un pasticcio tra Braglia e Vanoli per depositare in porta indisturbato un cross di V.Esposito, sfuggito sulla fascia alla trappola del fuorigioco. Nel complesso la squadra di casa ha fatto qualcosa di più, colpendo un palo con lo stesso V.Esposito prima del gol e spingendo comunque sull'acceleratore nel caldo catino del Flaminio. Interventi duri e autentica battaglia nell'uomo contro uomo con Garzya sulle tracce di Galderisi e Gregucci a pedinare il temibile Pasculli sul fronte opposto. Alla consueta manovra biancoceleste è venuto meno dopo una manciata di minuti l'apporto dinamico di Acerbis ma i ragazzi di Fascetti hanno affrontato la sfida col piglio giusto. Stesso andazzo - grande dinamismo e svarioni tecnici - nella ripresa con il Lecce però vicino al pareggio con una conclusione del giovane Moriero che si stampa sulla traversa a Martina battuto e con un cross perfetto dell'ex Perrone incredibilmente impattato di testa fuori misura dal centravanti Pasculli.