Domenica 3 settembre 1961 - Cosenza, stadio Emilio Morrone - Cosenza-Lazio 2-2


Stagione

Turno successivo

3 settembre 1961 - Campionato di Serie B 1961/62 - I giornata - inizio ore 16.00

COSENZA: Amati, Follador, Orlando, Ippoliti, Federici, Lugli, Ardit, Perli, Lenzi, Danelon, Costa. All. Zsengeller.

LAZIO: Cei, Zanetti, Eufemi, Noletti, Seghedoni, Gasperi, Bizzarri, Morrone, Pinti, Mecozzi, Longoni. All. Todeschini.

Arbitro: sig. Leita di Udine.

Marcatori: 32' Costa, 44' Lugli (aut), 57' Ardit, 82' Longoni.

Note: terreno duro, ma livellato. Calci d'angolo: 5 - 1 (3 - 0) a favore della Lazio. Diverse fonti riportano l'autorete di Lugli come goal di Morrone.

Spettatori: 12.000 per un incasso di circa 8.000.000 di lire (record per lo stadio di Cosenza).

Debutto in Campionato per la Lazio alla prima partita nella serie cadetta della sua storia. Entrare subito nella dimensione giusta del torneo è il primo obiettivo di Todeschini che teme alla vigilia l'euforia della matricola Cosenza. Il tecnico biancoceleste deve fare a meno di diversi giocatori cone Rozzoni e Maraschi, ma riesce a recuperare all'ultimo l'esperto Eufemi. La squadra silana, sostenuta a gran voce dal proprio pubblico, inizia l'incontro con grande determinazione. Il pacchetto difensivo romano sostenuto dal libero Seghedoni si stringe compatto a tutela della propria porta. L'incontro è equilibrato e si sblocca solo dopo la mezz'ora di gioco. Ardit serve in verticale lo sgusciante Perli che in velocità supera Gasperi e Eufemi e crossa radente: Cei è superato e per Costa è un gioco da ragazzi accompagnare il pallone in rete. A un minuto dal riposo giunge il pareggio. Punizione a parabola di Noletti e tiro al volo di Morrone: pallone che sfiora Lugli e s'insacca sorprendendo Amati. A inizio ripresa ottima possibilità con Pinti che si fa largo con un bel dribbling e tira da posizione proibitiva invece di servire un compagno ben piazzato nell'area calabrese. Al 57' padroni di casa di nuovo in vantaggio. Il capitano Ardit su punizione approfitta di una barriera maldisposta e trafigge Cei con un violento diagonale. Lazio che tenta di recuperare il risultato con coraggio, ma che si espone all'inevitabile contropiede. Perli e Costa vanno vicini al goal sicurezza, ma la difesa laziale tiene soprattutto con un grande Zanetti sugli scudi. A otto dal termine arriva il 2 a 2. Da una rimessa laterale, colpo di testa di Pinti per Mecozzi che spara a rete. Amati si allunga, ma non trattiene e Longoni è lesto nel capitalizzare l'occasione. Un buon pareggio alla fine dei 90 di gioco. Bene il Cosenza con note di merito per Perli e per il giovane Ippoliti, scuola Milan. Tra i biancocelesti ottima la prova di Seghedoni . La classifica: Modena , Reggiana , Simmenthal Monza , Lucchese , Napoli , Catanzaro e Genoa (p.2), Parma , Cosenza , Lazio , Messina e Prato (p.1), Brescia , Verona , Novara , Alessandria , Pro Patria , Sambenedettese e Como (p.0) , Bari(*) -9 . (*) penalizzato di 10 punti