Domenica 6 aprile 2008 - Parma, stadio Ennio Tardini - Parma-Lazio 2-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

6 aprile 2008 - 3.280 - Campionato di Serie A 2007/08 - XXXII giornata - inizio ore 15.00

PARMA: Bucci, D.Zenoni, Falcone, Paci, Castellini, Reginaldo (46' Dessena), Morrone, Cigarini (73' Mariga), Gasbarroni, Budan (80' Antonelli), Corradi. A disposizione: Pavarini, M.Rossi, Parravicini, Martinez. Allenatore: Cuper.

LAZIO: Muslera, Behrami (52' Zauri), Cribari, Radu (64' Rozehnal), Kolarov, Mudingayi, Ledesma, Mutarelli (80' Meghni), Pandev, Rocchi, Bianchi. A disposizione: Ballotta, De Silvestri, Vignaroli, Tare. Allenatore: D.Rossi.

Arbitro: Sig. Trefoloni (Siena) - Assistenti Sig.a Cini, Sig. Ghiandai - Quarto uomo Sig. Bergonzi.

Marcatori: 17' Budan, 37' Pandev, 40' Bianchi, 43' Paci.

Note: osservato 1' di silenzio in ricordo di Matteo Bagnaresi, tifoso del Parma scomparso domenica scorsa. Il portiere del Parma Bucci ha posto un mazzo di fiori sotto la curva dei tifosi emiliani. Pomeriggio soleggiato, terreno in buone condizioni. Ammoniti: 19' Cigarini per comportamento non regolamentare. Angoli: 10-1. Falli commessi: 16-15. Tiri in porta 7-5. Tiri fuori 6-3. Fuorigioco 6-2. Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.

Spettatori: 13.000 circa.


La partecipazione dei tifosi laziali al lutto della tifoseria gialloblù
Il vantaggio parmense di Budan
L'esultanza di Goran Pandev dopo la marcatura
Cristian Ledesma in azione
Rolando Bianchi in un momento della gara
La rete del vantaggio biancoceleste di Rolando Bianchi
L'abbraccio dei compagni all'attaccante biancoceleste

Capita tutto nel primo tempo, dopo il minuto di silenzio in ricordo di Matteo Bagnaresi. Subito protagonista Muslera: il portiere salva la Lazio due volte prima di arrendersi a Budan. Ma la squadra di Delio Rossi ribalta il risultato in tre minuti: prima con Pandev, poi con una prodezza di Rolando Bianchi. Il 2-2 lo firma Paci.


La Gazzetta dello Sport titola: "Parma-Lazio dura un tempo. Prima l'emozione per il ricordo di Bagnaresi, poi due gol per parte. Nella ripresa è calma piatta".

Continua la "rosea": Il silenzio al posto della Marcia Trionfale dell'Aida. La città della lirica non può esultare davanti alla morte. L'ombra di Matteo Bagnaresi, l'ultrà schiacciato dal pullman sulla strada per Torino, è una ferita aperta. Il lutto al braccio, i fiori di Bucci, il minuto di silenzio sono elementi di un rituale che non fa tacere una domanda che urla: "Perché?". Gli striscioni non cancellano una tragedia assurda. "Bagna, il tuo urlo libero sempre nella Nord", diceva quello parmigiano. "Ciao Matteo. Saluta Gabriele", rispondeva quello laziale. Gabriele Sandri, ucciso da un colpo di pistola in un'altra avventura di strada. Erano di fronte due tifoserie ferite. I Boys, cui apparteneva Matteo, sono rimasti in silenzio per un quarto d'ora prima di un applauso che ha fatto crepitare tutto lo stadio. E la partita si è accesa come d'incanto. Cinque gli assenti nel Parma: Lucarelli, Couto, Morfeo, Coly, Pisanu. La Lazio era priva di Dabo e Siviglia, con Muslera in porta al posto di Ballotta. Premeva il Parma e trovava presto il gol. Budan godeva di un rimpallo favorevole con Behrami e segnava con un tiro secco e preciso (1-0). Muslera evitava due volte il raddoppio.

La reazione della Lazio era perentoria. Bucci doveva salvare uscendo sui piedi di Pandev. Poi un errore di Reginaldo consentiva a Mutarelli di innescare Pandev, che, evitato Falcone, trafiggeva Bucci da distanza ravvicinata (1-1). Infine ancora Mutarelli approfittava di un errore di Zenoni e appoggiava a Bianchi che, da 24 metri, segnava con un destro magnifico all'incrocio dei pali (1-2). Un brivido percorreva lo stadio. Ma ci pensava Paci. Su calcio di punizione di Cigarini bruciava Kolarov e segnava di testa il gol del pari (2-2). "Lo dedico alla famiglia Bagnaresi", dirà poi. La ripresa regalava la faccia buia della partita. Solo due rigori invocati dai parmigiani per tiri di Budan e Dessena respinti da Cribari e Ledesma, una clamorosa uscita a vuoto di Muslera e un gesto di fair-play di Bucci, che, inascoltato, ha indicato all'arbitro un calcio d'angolo sfuggito alla guardalinee Cini. Poi gli striscioni sono stati arrotolati. I fiori sono stati portati via. Ed è rimasto solo il dolore.


La Repubblica titola: "Un minuto di silenzio in memoria di Matteo Bagnaresi. Le reti segnate nell'ordine da Budan, Pandev, Bianchi e Paci. Pari tra Parma e Lazio al "Tardini" finisce 2-2".

Così continua il quotidiano: Parma e Lazio chiudono sul 2-2 e portano via un punto per parte. Domenica insolita e con un velo di tristezza al "Tardini" per ricordare Matteo Bagnaresi, il tifoso gialloblù scomparso domenica scorsa nell'incidente verificatosi in un'area di servizio. Il Parma di Cuper in campo con il 4-4-2: davanti a Bucci; linea difensiva con Damiano Zenoni, Falcone, Paci e Castellini; a centrocampo la velocità di Reginaldo, con Morrone, Cigarini e Gasbarroni; in avanti spazio a Budan, al fianco di Corradi. Delio Rossi risponde con il 4-3-3: in porta la scelta è per il giovane Muslera; in difesa Behrami, Cribari, Radu e Kolarov; Mudingayi, Ledesma e Mutarelli a centrocampo; tridente composto da Pandev, Rocchi e Bianchi. Prima del via viene osservato un minuto di silenzio in ricordo di Bagnaresi. Il portiere Bucci depone un mazzo di fiori sotto la curva dei tifosi emiliani. Avvio di gara decisamente brillante. Al 2' Budan impegna Muslera e al 7' un destro di Reginaldo non impensierisce il portiere sudamericano. Gli emiliani, al minuto 17, sbloccano il punteggio: splendida incursione di Budan che a tu per tu con Muslera lo beffa firmando la quinta rete stagionale. Al 21' grande intervento di Muslera sul forte calcio di punizione di Cigarini. Al 27' Cigarini, di testa, gira verso la porta della Lazio ma Muslera nega ancora il raddoppio agli emiliani. Al 32' si fa vedere la Lazio con un'incursione di Pandev sulla destra, fermato in extremis da Bucci in uscita.

Al 35' il pareggio degli ospiti con Pandev, che approfitta di un errore in copertura di Falcone e infila Bucci. Al 38' la Lazio si porta in vantaggio con Bianchi: l'ex Manchester City con un gran destro da fuori area supera Bucci. Ma le emozioni non finiscono: al 45' nuova parità grazie alla rete di Paci, lesto a girare di testa in porta, anticipando l'intervendo di Kolarov. Prima del riposo brivido ancora per la Lazio con Budan, la cui conclusione sfiora il palo. Nella seconda frazione di gioco, Cuper toglie dal campo Regilando e inserisce Dessena. Al 7' Delio Rossi preferisce non forzare Behrami (deludente comunque la sua prova), al suo posto Zauri, capitano al rientro da lungo infortunio. Parma più brillante in fase offensiva, soprattutto con Budan e Corradi. Al 16' cross di Zenoni per Corradi che gira di testa debolmente. Insidioso tiro-cross di Bianchi al 23' con palla che, complice il vento, per poco non beffa Bucci. Nel finale di partita, ad eccezione delle altre sostituzioni su entrambi i fronti, non si annotano più azioni pericolose.