Domenica 6 ottobre 2002 - Bergamo, stadio Atleti Azzurri d'Italia - Atalanta-Lazio 0-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

6 ottobre 2002 - 3006 - Campionato di Serie A 2002/03 - V giornata

ATALANTA: Taibi, Sala, Carrera, Natali, Foglio, Zenoni, Berretta, Zauri, Gautieri (46' Pià), Pinardi (46' Bianchi), Rossini (66' Dabo). A disposizione: Calderoni, Rustico, Espinal, Breviario. Allenatore: Vavassori.

LAZIO: Marchegiani, Stam, Fernando Couto, Mihajlovic, Cesar, Fiore, Giannichedda, Simeone (63' Castroman), Stankovic, Corradi (87' Favalli), C.Lopez (71' S.Inzaghi). A disposizione: Peruzzi, Oddo, Negro, Manfredini. Allenatore: Mancini.

Arbitro: Sig. Treossi (Forlì).

Marcatori: 24' Cesar.

Note: ammoniti Zauri, Dabo e Giannichedda per gioco falloso, Castroman per comportamento non regolamentare. Recuperi: 0' p.t., 3' s.t.

Spettatori: paganti 3.200 per un incasso di € 45.000,00, abbonati 10.958 per una quota di € 165.615,23.


Cesar scocca il tiro vincente

La Gazzetta dello Sport titola: "Vola la banda Mancini".

Continua la "rosea": Cesar firma il blitz della Lazio in casa dell'Atalanta che ora comincia a tremare.

La Lazio espugna con merito il campo dell’Atalanta con una prestazione autoritaria. Su tutti, gli uomini che sembrano rinati dalla "cura" Mancini: Stankovic e Mihajlovic. I biancocelesti partono con discreta verve grazie a Stankovic ma fino a metà del primo tempo i bergamaschi non stanno a guardare, creando diverse azioni pericolose per l’undici capitolino con Pinardi che, al 13’, gira di poco a lato ed al 18’ con Foglio che impegna Marchegiani a terra dopo ad una punizione calciata da Pinardi. Ma Lazio non sta a guardare ed al 24’ passa in vantaggio grazie a Cesar: il brasiliano scende sulla fascia sinistra, cede il pallone a Stankovic che glielo restituisce in area ed il tiro scoccato batte Taibi apparso non esente da colpe. Gli atalantini accusano il colpo e la Lazio prende in mano le redini della partita sino alla fine limitando al minimo i rischi e cercando il raddoppio con Claudio Lopez su invito di Simeone e con le solite micidiali punizioni di Mihajlovic.

La ripresa vede i bergamaschi apportare due sostituzioni per cercare di ristabilire la parità ma Marchegiani è impensierito solo al 9’ con un colpo di testa di Rossini. Entra successivamente in campo Castroman e Fiore viene spostato sulla fascia opposta e Stankovic è piazzato al centro. Dopo l’ennesima punizione pericolosa di Mihajlovic al 39’, l’Atalanta porta un pericolo alla porta laziale al 42’ con Bianchi, ma il serbo di testa scongiura il pericolo. La Lazio resiste sino alla fine e vince la partita.