Domenica 6 settembre 1987 - Roma - Lazio-Casertana 2-0


Coppa Italia 1987/88 - Gara 5 girone 8 - Lazio-Casertana 2-0

LAZIO: Martina, Brunetti (46' Piscedda), Beruatto, G.Pin (75' V.Esposito), Gregucci, R.Marino, Savino (89' Nigro), Caso, Galderisi, Camolese, Monelli. A disp. Salafia, Rizzolo. All.Fascetti

CASERTANA: Battara, Buccilli, Pagliaccetti (63' Troise), Suppa, A.Lorieri, Pancheri, Viganò, Casaroli, D'Ottavio (67' Carbone), Maragliulo, D.Ricci.

Arbitro: Felicani (Bologna).

Marcatori: 34' Savino, 75' Savino.

Note:

Spettatori: 10.000 circa

La Lazio spera a lungo ma alla fine, pur battendo senza problemi la volenterosa Casertana, deve arrendersi alle notizie che arrivano da Pisa: i toscani, battendo una spenta Juventus, si classificano addirittura primi nel girone e superano il turno insieme ai bianconeri torinesi. Gli uomini di Fascetti pagano così a caro prezzo la clamorosa sconfitta di mercoledì scorso a Catanzaro e nonostante la spinta eccezionale e appassionata del pubblico devono lasciare la competizione per dedicarsi completamente al campionato. Il tecnico promette: "Da domenica prossima vedrete un'altra Lazio, siamo pronti a scalare la serie A". La sfida del Flaminio coi campani ha poca storia. I biancocelesti si divorano occasioni facili fin dall'inizio con lo svagato Monelli e spesso agli assalti partecipa anche R.Marino nel tentativo di sbloccare il match al più presto. I gol, uno per tempo, arrivano però dal piede di Savino che risolve due mischie in area casertana, mostrandosi ben inserito negli schemi d'attacco di Fascetti. Alti e bassi invece da parte di Galderisi, cui nel finale l'arbitro nega un rigore solare. La sostanza non sarebbe cambiata, il pomeriggio fatale resta quello di Catanzaro.