Fioranti (I) Giuseppe


Giuseppe "Pino" Fioranti

Pioniere


Centromediano e attaccante. Nato nel 1886. Detto Pino. Era alto m 1,56 per un peso di 62 kg e risiedeva in Via Ciro Menotti n. 20. Impiegato in un ufficio privato. Gioca nella Lazio dal 1909 al 1922. Risulta socio della società sin dall'anno della sua fondazione, iscritto come corridore velocista. E' lui che ha l'improvvida idea di accusare Sante Ancherani di aver perso lo scatto e per questo è sfidato da quest'ultimo che pone la condizione di correre sul parapetto del Tevere e per di più con un handicap di cinque metri mentre Giuseppe può correre sul marciapiede. Vince Sante e Pino è costretto a pagare le paste per tutti. Fioranti, che fu capitano della squadra nel 1912, ha vinto tutto quello che ha vinto la Lazio in quei remoti tempi: tre volte finalista nazionale, ha conquistato più volte la Coppa Coppa Tosti, la Coppa Baccelli e tanti altri trofei a Roma, nel Lazio e nell'Italia centro-meridionale. Ottimo come punta e, all'occorrenza, arcigno difensore ha giocato 68 partite ufficiali segnando 32 reti. E' stato senza alcun dubbio il giocatore più tecnico della Lazio di quegli anni. La sua carriera è stata fortemente condizionata dal fatto di lavorare a Genova e di non poter perciò partecipare con regolarità alle gare e per essere stato al fronte durante tutta la prima guerra mondiale.



Torna ad inizio pagina