Giovedì 15 maggio 1969 - Foggia, stadio Pino Zaccheria - Foggia-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

15 maggio 1969 - Campionato di Serie B 1968/69 - XXXII giornata

FOGGIA: Pinotti, Fumagalli, Valadé (64' Dalle Vedove), Pirazzini, Teneggi, Camozzi, Saltutti, Garzelli, Nuti, Maioli, Vanzini. A disp.: Trentini. All. Maestrelli .

LAZIO: Di Vincenzo, Zanetti, Facco, Governato, Soldo, Marchesi, Morrone (66' Rinero), Mazzola (II), Fortunato, Ghio, Cucchi. A disp.: Fioravanti. All. Lorenzo.

Arbitro: Sig. Vacchini di Milano.

Marcatori: 16' Morrone, 48' Maioli.

Note: giornata di sole, temperatura estiva; terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Di Vincenzo, Maioli. Calci d'angolo: 9-4 a favore del Foggia.

Spettatori: 13.000 con 7.000 abbonati per un incasso di £.6.000.000.

La pagina del Corsport

Appuntamento infrasettimanale di Campionato e seconda trasferta consecutiva al Sud. A Foggia l'estate è arrivata in netto anticipo e la temperatura alle 16 del pomeriggio è vicina ai 40 gradi ! Inizio a razzo dei padroni di casa e al 2' il primo colpo di scena: contrasto aereo tra Facco e Saltutti con l'attaccante che ha la peggio con un labbro che sanguina copiosamente. Ricovero negli spogliatoi per suturare la ferita e Maestrelli che non opera la sostituzione. La Lazio approfitta della superiorità numerica e passa al 16' quando Soldo opera un passaggio perfetto a Morrone che si lancia nel varco giusto e con uno splendido tiro a mezz'altezza fulmina Pinotti. Rientra Saltutti e il Foggia attacca a pieno organico. Fioccano le occasioni per i "Satanelli" ma sfortuna, errori grossolani e la prontezza di Di Vincenzo evitano il sacrosanto pareggio. Lazio in enorme difficoltà, ma negli spogliatoi in vantaggio di una rete. Alla ripresa però arriva il goal rossonero. Vanzini si scatena sulla destra e crossa lungo per il piede di Maioli che scaraventa al volo in rete. Il pubblico si entusiasma e incita i propri beniamini che continuano ad attaccare. Minuto dopo minuto, anche per il caldo asfissiante, le forze cominciano a scemare. La Lazio riesce a distendersi con mestiere e Fortunato prima e Governato poi portano delle insidie nell'area di Pinotti. Gli ultimi sussulti vedono Di Vincenzo ancora ottimo protagonista. Un punto importante quello ottenuto allo Zaccheria, non meritato per i valori espressi nei 90 minuti di gioco, ma che permette, vista la sconfitta della Reggiana a Modena, di portare a 6 i punti di vantaggio sulla quarta in classifica.