Lunedì 14 agosto 1989 - Ascoli Piceno, Cino & Lillo Del Duca - Ascoli-Lazio 0-0


ASCOLI: Lorieri, Destro, Rodia (46' Cavalieri), Sabato, Aloisi, Benetti (46' Arslanovic), Didonè, Carillo, Altobelli, Giovannelli, Casagrande (82' Zaini) all.: Bersellini a disp.: Bocchini, Mancini e Fusco.

LAZIO: Fiori (46' Orsi), Bergodi, F.Marchegiani, Pin, Gregucci (46' Nardecchia), Soldà (57' Piscedda), Di Canio, Troglio, Amarildo, Sclosa (64' Sergio), Bertoni (57' Beruatto) all.: Materazzi a disp.: Berardi.

Arbitro: Sig. Quartuccio di Torre Annunziata (NA)

Note: Spettatori 10.000 circa; ammonito Sclosa

Il Corriere dello Sport titola: Un Ferragosto sereno per le romane. Buona Lazio ad Ascoli. Mantenute le promesse lo spettacolo c’è stato.

quindi riporta: Lazio, solo un pari ma pieno di gioco. L’Ascoli che ha messo in mostra un Casagrande scatenato, ma è stato salvato dalle prodezze di Lorieri. Dominio del centrocampo laziale. L’attacco è Di Canio-dipendente. Marchegiani e Bertoni attivissimi. Materassi: “È la strada buona: la squadra sta realizzando quello che voglio. Amarildo ha dimostrato di essere completo”. In tribuna l’allenatore del Lecce Mazzone: “Che fenomeno, Amarildo farà tanti gol!”.

L'articolo de "La Gazzetta dello Sport"