Sabato 26 luglio 2008 - Auronzo di Cadore, stadio Rodolfo Zandegiacomo - Padova-Lazio 0-3


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

26 luglio 2008 - 4^ amichevole precampionato - inizio ore 18.00

LAZIO (I TEMPO): Carrizo, Diakite, Ro­zehnal, Radu, Lichtsteiner, Matuzalem, Le­desma, Manfre­dini, Pandev, Mauri, Zarate. A disp.: Muslera, Degrè, Tuia, Fa­raoni, A.Cinelli, Belleri, Dabo, Meghni, Mendicino, Makinwa.

LAZIO (II TEMPO): Carrizo (53' Muslera), Belleri, Rozehnal, Diakite (63' Tuia), Radu (73' Faraoni), Da­bo, Ledesma (75' A.Cinelli), Meghni, Pandev, Makinwa, Mauri (56' Mendi­cino). Allenatore: D.Rossi.

PADOVA: Facchin, Carbone (84' Lazzarini), Faisca, Giovannini (76' Donadoni), Bianchi, Bovo (61' Gentile), Pederzoli (77' Mazzocco), Crovari (70' Baccolo), Baù (82' Rai­mondi), Varricchio, Rabito (68' Muz­zi). A disposizione: Niero, Petrassi, Zanè, Di Nardo. Allenatore: Sabatini.

Arbitro: Sig. Tommasi (Bassano del Grappa).

Marcatori: 18' Mauri, 47' Pan­dev, 55' Makinwa.

Note: pomeriggio fresco.

Spettatori: 2.000 circa.


La formazione iniziale della Lazio
Una fase della gara
Un momento dell'incontro

­Gli squilli di Mauri e Pandev rianima­no la pallida Lazio davanti a duemila cuori innamorati. Si sono serviti un as­sist a testa, si sono divisi un gol per par­te e hanno lan­ciato a rete il re­divivo Makinwa. 3-0, il Padova dell'ex Muzzi, amato e applau­dito, è stato schienato così. Più in palla e meno fiaccata dalla fatica: dopo l'harakiri col Rimini Rossi ha presentato una squadra diver­sa nel morale e nelle geometrie. Stavol­ta non l'ha fatta schiattare di fatica al mattino e il risultato s'è visto nonostan­te il campo fosse appesantito dalla piog­gia.

Partita normale, da sei pieno, spraz­zi di buon calcio nei primi 20', poi le gambe son tornate imballate. Qualche indizio confortante Delio l'ha potuto trarre dal nuovo esperimento 3-4-2-1. Il test è stato meno impegnativo rispet­to a quello di mercoledì scorso ma la Lazio è sembrata più convinta. Tra le note positive l'eleganza e la sostanza di un Mauri che cresce, il gioco fantasio­so e serrato della coppia Matuzalem­-Ledesma (all'esordio dall'inizio come diga di mezzo del centrocampo a quattro). E poi la forza del talentuoso Radu in di­fesa e i colpi di Pandev in attacco (quin­to gol in quattro partite per Goran). E' rimasto a secco Maurito Zarate, ha avu­to un paio d'occasioni ma non è riusci­to a buttarla dentro; è sembrato più propositivo in avanti e più attento die­tro Lichtsteiner.

Rossi ha dovuto fare a meno dell'olimpico Ko­larov e degli acciaccati Siviglia, Cribari, Firma­ni e Foggia (per lui con­trattura alla coscia sini­stra, domani altri accer­tamenti). Il napoletano era destinato a partire titolare ma è stato fre­nato dall'infortunio. Rossi ha plasmato la La­zio su due moduli. Nel primo tempo ha confermato la difesa a tre affidandola a Diakite, Rozehnal e Radu. Ha vacilla­to di meno, ma le smagliature continua­no ad esserci e il ceco è apparso anco­ra un po' macchinoso. Col 3-4-2-1 però i reparti son sembrati meno smarriti. L'apporto delle due mezzepunte Pan­dev e Mauri ha dato sicurezza al centro­campo, meno riferimenti agli avversa­ri e più rifornimenti all'attacco. La solu­zione tattica convince maggiormente ri­spetto allo statico 3-5-2. Nel secondo tempo solito rimpasto. Rossi ha dise­gnato la Lazio col 4-3-3, ricomponendo il poker difensivo tradizionale e dando il cambio a tutti i suoi uomini. Sono arri­vati i gol di Pandev e Makinwa, dopo che Mauri al 18' aveva dato spettaco­lo sfruttando un lancio di Goran, aggan­ciando il pallone col petto e trafiggendo il buon Facchin con un pallonetto d'esterno sinistro. Mauri è rinato. Brilla.

Fonte:Corriere dello Sport - Stadio


Dalla Gazzetta dello Sport:

La Lazio in attacco è già ok. Pandev e Makinwa in gol. Lazio già pronta in fase offensiva, da rivedere in difesa. Dimenticato il Rimini, la squadra di Delio Rossi batte il Padova con un ritrovato Mauri, un Pandev in grande spolvero e Makinwa in ripresa. Rispetto al 3-5-2 delle prime tre uscite, il tecnico ha provato il tridente. Ma il Padova (che bravo Pederzoli) nei primi 45' ha avuto almeno un paio di occasioni per pareggiare, una con Rabito e un'altra con Varricchio. Così nella ripresa Rossi ha riproposto la cara vecchia difesa a quattro: da lì in poi, non c'è stata più partita.


Dal sito ufficiale della S.S. Lazio:

Nella quarta amichevole di Auronzo di Cadore la Lazio batte per 3-0 il Padova, squadra che milita nel campionato di Serie C. Apre le marcature al 18' del primo tempo Stefano Mauri - stop di petto e pallonetto. Al 30' azione del Padova ma Carrizzo neutralizza il tiro di Rabito. Nella ripresa è Pandev che al 2' su assist di Mauri segna la rete del due a zero. Dopo otto minuti Makinwa firma la terza rete. Dopo Tare, che ieri ha festeggiato il compleanno, oggi tanti auguri a Makinwa.