Sabato 8 dicembre 2018 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Sampdoria 2-2


InCostruzione.jpg

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

8 dicembre 2018 – Roma, stadio Olimpico - Campionato di Serie A, XV giornata - inizio ore 20.30


LAZIO: Strakosha, Wallace (76' Luis Alberto), Acerbi, Radu, Patric, Parolo, Badelj (52' Correa), Milinkovic, Lulic, Caicedo (52' Cataldi), Immobile. A disposizione: Proto, Guerrieri, Luiz Felipe, Bastos, Caceres, Durmisi, Lukaku, Berisha, Murgia. Allenatore: S. Inzaghi

SAMPDORIA: Audero, Bereszynski, Andersen, Colley, Murru, Praet (70' Jankto), Ekdal, Linetty, Ramirez (82' Saponara), Caprari (65' Kownacki), Quagliarella. A disposizione: Rafael, Belec, Ferrari, Tonelli, Rolando, Sala, Tavares, Vieira, Defrel. Allenatore: Giampaolo

Arbitro: Sig Massa (Imperia) - Assistenti Sigg. Valeriani e Di Vuolo - Quarto uomo Sig. Illuzzi - V.A.R. Sig. Pairetto - A.V.A.R. Sig. Manganelli.

Marcatori: 21' Quagliarella, 79' Acerbi, 90'+6' Immobile (rig.), 90'+9' Saponara .

Note: ammonito al 5′ Caicedo, al 40' Bereszynski, al 45' Immobile, al 57' Audero, al 69' Wallace, al 90' Linetty, al 90'+11' Saponara. Espulso al 90'+2' Bereszynski per dopia ammonizione. Angoli . Recuperi: 2' p.t., 10' s.t.

Spettatori: .


Felipe Caicedo
Foto sslazio.it
La rete di Francesco Acerbi
Foto sslazio.it
Joaquin Correa
Foto sslazio.it
Patric al cross
Foto sslazio.it
Stefan Radu
Foto sslazio.it
Senad Lulic
Foto sslazio.it
Sergej Milinkovic-Savic
Foto sslazio.it
Wallace
Foto sslazio.it
L'esultanza di Francesco Acerbi dopo la marcatura
Foto sslazio.it
Esultanza sotto la Curva Nord
Foto sslazio.it

I calciatori convocati per la partita odierna

La Gazzetta dello Sport titola: "La Var non basta alla Lazio. Samp, un folle pari al 99’. Immobile su rigore a tempo scaduto completa la rimonta. Poi Giampaolo in dieci uomini trova la perla del 2-2 di Saponara".

Continua la "rosea": La Lazio sembra proprio la Ferrari: non riesce più a vincere. Nemmeno un sorpasso insperato, per un rigore chiamato dal Var Pairetto quando ormai stava finendo il recupero, ha interrotto la serie consecutiva di pareggi (quarto di fila in campionato). Perché Ciro Immobile scaraventa in rete il 2­-1, ma mentre tutti festeggiano la fine delle polemiche, della crisi e anche del ritiro, la Sampdoria colpisce in maniera semplice: lancione centrale, tocco di testa di Kownacki, acrobazia del liberissimo Saponara, al 99’: la rete più tardiva in Serie A da quando si raccolgono certe statistiche (2004­-05). Per dire, Massa fischia la fine dopo 100’ e 30”, in uno stadio gelido e gelato da quanto appena visto. Non si parlava che di auto in casa Lazio da quando, giovedì, Lotito aveva paragonato la sua squadra a una Ferrari ingolfata. Ci ha preso: Formello come Maranello, una delusione dopo l’altra. Il pari sta stretto ai laziali, non soltanto per il finale da film ma anche per la quantità di palle gol: 10­-2. Però nel dato è incluso anche il senso della partita: molti, troppi errori.

La Samp dopo mezzora quasi smette di pensare e nella ripresa viene sommersa sul piano fisico. Ma è scaltra, due tiri, due gol. Così punisce i magheggi di Inzaghi. L’allenatore prosegue con il 3­-5­-2, però parte con il doppio centravanti: Caicedo dovrebbe spalleggiare Immobile, velenoso da sinistra. La coppia viene sciolta nella ripresa e la Lazio chiude a 4­-3­-1­-2, dentro Luis Alberto (sua la punizione che porta al rigore) e Correa. Immobile è il più continuo, quasi tutte le occasioni passano da lui, compreso il palo a fine primo tempo. Le corse di Ciro sembrano a lungo l’unica risorsa degli inzaghiani, poveri di altre idee, limitati nella tecnica. Ma la pressione aumenta nella ripresa e il gol di Acerbi, per l’1­-1 al 79’, è frutto dell’ennesimo corner e di un delizioso assist di tacco di Parolo. La Sampdoria di solito fa dell’incostanza una regola. Adesso sembra tornato il periodo buono, viene da due successi in pochi giorni, coppa compresa: quando pensi che sia matura per fuoriuscire dalla banalità, la Samp fa di tutto per rientrarci.

Però stavolta può mostrare il carattere della rimonta, quando è in 10 per l’espulsione di Bereszynski. Quagliarella arriva al primato personale di cinque partite con gol consecutive (e con sei tiri nello specchio). Il vantaggio nasce da una sequenza di tocchi e triangoli a sinistra per poi colpire a destra, ma resta delizioso l’esterno di Praet che libera al cross Murru. Però la copertura difensiva è inadeguata, anche perché Praet e Linetty non aiutano gli esterni. Fin che possono, Andersen e Audero salvano, poi cedono. Ma la mossa da arti marziali di Saponara, che Giampaolo non vede perché è negli spogliatoi, chiude una partita strampalata, a suo modo spettacolare.


► Il Corriere dello Sport titola: .

Prosegue il quotidiano sportivo romano:


Il Messaggero titola: .

Prosegue il quotidiano romano:



La formazione biancoceleste:
 ;
La formazione iniziale biancoceleste in grafica




► Per questa partita il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha convocato i seguenti calciatori:

  • Portieri: Guerrieri, Proto, Strakosha;
  • Difensori: Acerbi, Basta, Bastos, Caceres, Durmisi, Luiz Felipe, Lukaku, Marusic, Patric, Radu, Wallace;
  • Centrocampisti: Badelj, Berisha, Cataldi, Jordao, Leiva, Luis Alberto, Lulic, Milinkovic, Murgia, Parolo;
  • Attaccanti: Caicedo, Correa, Immobile, Neto, Rossi.
I convocati in grafica




<< Turno successivo Turno successivo >> Torna alla Stagione Torna ad inizio pagina