Storia della stagione 1929/30


Stagione

Storia della stagione 1928/29 - Storia della stagione 1930/31

Storia delle Stagioni calcistiche


Una formazione della Lazio 1929/30
La presentazione della Lazio per la stagione 1929/30 sulle pagine della Gazzetta dello Sport
La classifica finale della stagione 1929/30

Il campionato 1929/30 non fu felice per la Lazio. La squadra non si era troppo rinforzata rispetto al deludente precedente torneo e i risultati si videro ben presto. Dopo un inizio travolgente, culminato con la strepitosa vittoria per 3-0 contro i campioni d'Italia in carica del Bologna, la squadra fece registrare una serie di risultati negativi che culminarono con la sconfitta casalinga patita nel derby con la Roma (0-1) e con quella, sempre in casa, con il Napoli (0-2). La Lazio riuscì a vincere con squadre di modesto livello ma perse inesorabilmente con le altre. Soprattutto in trasferta la Lazio non riuscì a conquistare che pochi punti (l'unica vittoria esterna fu quella con la Cremonese che retrocesse). Anche il derby di ritorno si concluse con una sconfitta a Testaccio (3-1), con uno dei goal segnati dal "traditore" Fulvio Bernardini. La classifica a 90' dalla fine del torneo era la seguente: Lazio, Modena, Triestina, Pro Patria punti 28, Livorno 27, Padova 26, Cremonese 16.

Sebbene i biancocelesti avessero perso all'ultima giornata con la Juventus, si salvarono per la sconfitta subita dal Padova contro la Roma (8-0) e quella casalinga della Triestina con il Napoli (3-4). Il campionato (a 18 squadre) fu vinto dall'Ambrosiana che totalizzò 50 punti e precedette il Genova 1893 di 2 punti; terza a 45 punti finì la Juventus. Retrocessero in serie B la Cremonese ed il Padova. Furono promosse in serie A il Livorno ed il Legnano. La Lazio vinse 10 partite, ne pareggiò 8 e ne perse 16. Segnò 49 reti e ne subì 50. Il cannoniere della squadra fu Luigi Ziroli con 11 reti, che precedette Pietro Pastore con 10, Aldo Spivach e Mario Malatesta con 9. Il giocatore più presente fu Leopoldo Caimmi con 32 gare disputate, che superò Ezio Sclavi con 31 e Ziroli con 30.




Stagione << Storia della stagione 1928/29 Storia della stagione 1930/31 >> Storia delle Stagioni calcistiche Torna ad inizio pagina