Venerdì 7 agosto 1992 - Leverkusen - Bayer Leverkusen-Lazio 2-1


Stagione

Amichevole successiva

7 agosto 1992 - Amichevole pre-campionato

BAYER LEVERKUSEN: Vollborn, Fischer, Nehl, Woerns (46' Radschuweit), Foda, Kree, Scholz (73' Ahlen), Lupescu, Herrlich, Hapal, Thom.

LAZIO: Di Sarno, Luzardi (46' Bonomi), Favalli (70' Madonna), Sclosa (46' Marcolin), Gregucci, Cravero, Fuser, Doll (64' Bacci), Riedle, Winter, Signori (80' Stroppa). All. Zoff.

Arbitro: Aust (Colonia).

Marcatori: 46' Riedle, 76' Hapal, 84' Herrlich.

Note: giornata molto calda, terreno in ottime condizioni. In tribuna il C.T. della nazionale tedesca Berti Vogts. Diverse centinaia di tifosi laziali al seguito tra cui una folta rappresentanza del Club Borgo Velino.

Spettatori: n.d.

Per oltre un'ora la Lazio sciorina un ottimo gioco strappando applausi e consensi al pubblico di Leverkusen. Compatta in difesa con un Cravero autoritario ed elegante,quadrata a centrocampo con Sclosa nelle vesti di regista con ai fianchi Winter e Doll, brillante in avanti con le punte Riedle e l'ex foggiano Signori. Il Leverkusen, sesta in classifica nella stagione precedente e molto in avanti nella preparazione rispetto ai biancocelesti, è squadra di valore e per questo il test è di quelli importanti. La Lazio sblocca il risultato all'inizio della ripresa con un gran goal di Riedle appaludito dai suoi connazionali ed apprezzato dal C.T. Berti Vogts presente in tribuna. La Lazio continua ad imporre il suo gioco, elegante e razionale, ma con il passare dei minuti le energie e le idee vengono meno e i padroni di casa riescono a ribaltare il punteggio. Al 76' un'ingenuità di Gregucci, che si lascia bruciare sul tempo da Thom, permette ad Hapal di battere Di Sarno che poco prima si era reso protagonista di un grande intervento su un tiro ravvicinato. Lazio che accusa il colpo e il Leverkusen, approfittando dell'uscita temporanea di Cravero per un lieve infortunio, riesce a segnare con Herrlich il giovane centravanti dell'Under 21 tedesca. Al termine dell'incontro Zoff dichiara alla stampa: "Siamo ancora al sessanta per cento, non potevamo fare di più. Spiace sempre perdere, ma in queste partite il risultato non conta. Fino al 70' la squadra si è comportata molto bene, poi la fatica ha preso il sopravvento, c'è stato anche qualche errore".