Allemandi (I) Luigi


Luigi Allemandi

Terzino, nato a San Damiano Macra (CN) l'8 novembre 1903 e deceduto a Pietra Ligure (SV) il 25 settembre 1978.

Comincia come titolare nel Legnano nel 1924. Già Campione del Mondo nel 1934, gioca la sua ultima stagione, quella 1938/39, con la maglia della Lazio collezionando 2 sole presenze in Campionato. Nel 1927 viene coinvolto nel caso di corruzione riguardante il derby Torino-Juventus, che porterà alla revoca dello scudetto granata. Nonostante si proclami innocente, viene squalificato a vita. Un anno dopo viene amnistiato a seguito delle nozze di Umberto di Savoia. Passa all'Ambrosiana, dove gioca per otto stagioni, quindi alla Roma nel 1935/36 per due stagioni. Nella stagione 1937/38 è tesserato per il Venezia. Terminata la carriera agonistica, dopo una breve parentesi da allenatore nella Lazio di Remo Zenobi nel 1938/39 con 12 partite di cui 2 vinte, 3 pareggiate e 7 perse, abbandonò il mondo del calcio totalmente. Nel 1939/40 è allenatore/giocatore della Bancopercorso, squadra della Banca Nazionale del Lavoro, Filiale Corso. E' stato, in assoluto, uno dei più forti terzini italiani di tutti i tempi.





Torna ad inizio pagina