Bloch Giorgio


Socio della Lazio negli anni 60. Nato a Roma il 22 novembre 1895. Il 4 agosto 1965 l'assemblea comunica che la società è sull'orlo di una crisi economica che sembra irreparabile. La squadra è in ritiro a Pievepelago e i giocatori non intendono firmare i contratti, per altro dignitosi, proposti dalla dirigenza e nonostante fossero al corrente dello stato di estremo disagio economico attraversato dalla società, fanno ritorno a Roma tra l'ostilità dei tifosi. Proprio in quell'assemblea prende la parola Bloch che afferma: "Ecco un mio assegno di mezzo milione. Sia dato al Comune di Roma per le scuole e gli ospedali a nome della società, ma non ai giocatori che non hanno capito l'onore di indossare la maglia biancoceleste." Dopo queste parole viene soffocato dagli abbracci e all'unanimità acclamato socio onorario.

La tessera di Socio vitalizio di Giorgio Bloch. Contributo di Manfredi Bloch, nipote del dirigente laziale
Medaglie celebrative dello scudetto 1973/74 di Giorgio Bloch. Contributo di Manfredi Bloch, nipote del dirigente laziale