Casini Evans


Nella foto Evans Casini è l'ultimo a destra in piedi (Courtesy of Luciano Casini)

Atleta e allenatore di pallacanestro. Nato a Roma nel 1911. Giunge alla Lazio nel 1933 dopo aver militato nella Giovane Italia. Indossa la maglia biancoceleste sino al 1941, ad eccezione di un anno (1938), trascorso a Perugia come giocatore-allenatore della squadra dei Giovani fascisti. Nel suo ultimo anno di atleta è anche allenatore della prima squadra. Guascone di carattere e spavaldo in campo viene spesso punito per comportamenti scorretti sia dalla Società quanto dalla Federazione. Nel 1933 viene sospeso per due mesi dalla F.I.P. e ancora nel 1935 è allontanato dalla squadra per ingiurie verso alcuni dirigenti, venendo poi perdonato l'anno successivo e reintegrato nell'organico. Dopo la Liberazione è uno degli artefici della rinascita della pallacanestro a Roma. E' membro del Comitato Provinciale Romano e allenatore della Rappresentativa cittadina che sfida le squadre militari americane al campo Apollodoro. Al suo fianco vi è il fratello minore Ildebrando, noto arbitro, che nei primi anni Settanta sarà presidente della Lazio Pallacanestro. Allena per alcune stagioni la squadra dell'Indomita dedicandosi anche a lungo al paracadutismo.