Coppi 1945, una primavera a Roma - Presentazioni


La copertina del libro
La locandina della presentazione a Frascati
La locandina della presentazione al Circolo Canottieri Lazio

TuttoBiciWeb 7 Maggio 2019

Il panorama editoriale presenta, nel suo complesso, oltre trecento libri che hanno quale soggetto il campionissimo Fausto Coppi del quale in questo 2019 si ricordano con varie manifestazioni i cento anni dalla nascita. Questa pubblicazione dell’Edizioni Eraclea, come lascia chiaramente presagire il titolo, scandaglia, in profondità, le vicende del 1945, anno ancora segnato dai lutti della guerra ma aperto pure alla speranza con la fine del conflitto, collegate al rientro in patria dalla prigionia in Africa di Fausto Coppi. Il continente ha inciso profondamente nella sfortuna del grande Fausto dapprima con gli anni di prigionia e, a fine di carriera, con la malaria contratta in una tournée nell’Alto Volta che ha causato la sua prematura scomparsa.

Gli autori che firmano il libro sono Giampiero Petrucci, geologo versiliese, infaticabile ricercatore di storie, fatti e personaggi legati al ciclismo con occhio di riguardo al passato. Nel suo particolare “palmarès” pubblicistico che conta circa trenta pubblicazioni sono ritrovabili, opere di rilevante importanza nel settore, realizzate sia in singolo, sia in coppia. L’espressione “scandaglia in profondità” calza perfettamente per il suo pervicace modo di operare in argomento. L’altro autore è Fabio Bellisario, romano, fondatore di LazioWiki, sito dedicato alla storia della Società Sportiva Lazio, antica e gloriosa polisportiva con ben 52 discipline, la più grande e la più antica d’Europa.

Sono 165 pagine che penetrano realtà e situazioni finora sfumate della vita di Coppi quali la guerra, la data esatta della cattura del fante Fausto Coppi da parte degli inglesi in Tunisia, il periodo di prigionia, la data del rientro in Italia, a Napoli, a seguito degli Alleati, quella del ritorno nella natia Castellania dopo oltre due anni di forzata assenza e le prime riapparizioni agonistiche, invero un po’ avventurose, tesserato per la S.S. Lazio. Ha indossato, nel periodo romano, la maglia arancione “Nulli” del costruttore romano Edmondo Nulli, già corridore, come ricorda suo figlio Renzo che ha messo a disposizione testimonianze e documenti fotografici inediti che illustrano quel vivace periodo del ciclismo romano, ricco di affermati protagonisti nel professionismo a livello nazionale, quale Quirino Toccaceli, Marcello Spadolini, Zaurino Guidi e soprattutto Pietro Chiappini. Era d’origine toscana, di Spianate d’Altopascio, trasferitosi giovanissimo a Roma, amico di Coppi e di Nulli e poi presidente, per lungo tempo dell’A.S. Roma, società di prestigio del ciclismo all'epoca e scuola poi di molti corridori, approdati con successo al professionismo, cresciuti sotto la guida del “sor Pietro” negli anni 1950, inizi '60. E’ stato un “derby” ciclistico costruttivo fra biancazzurri e giallorossi quello con il comune denominatore della bicicletta.

La presentazione ufficiale del libro, con prefazione di Beppe Conti e introduzione di Antonio Buccioni, sarà il prossimo 16 maggio a Roma, presso il Circolo Canottieri Lazio, alle ore 17,30 – lungo Tevere Flaminio 25 - alla presenza di vari personaggi delle due ruote che hanno dato la loro adesione e con la bicicletta Nulli dell’epoca che sarà esposta, in bella mostra, nell’occasione e nei giorni in cui il Giro d’Italia percorrerà le strade laziali.


Frascati, Palazzo del Comune 13 maggio

Dal Il Messaggero del 14/05 In occasione dell'arrivo del Giro d'Italia di oggi pomeriggio, previsto per le 17, in viale Vittorio Veneto, alla sala degli specchi del palazzo comunale, è stato presentato in anteprima il libro " Coppi 1945, una primavera a Roma ", scritto da Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario, con la prefazione del presidente della polisportiva S.S. Lazio Antonio Buccioni. In esposizione la bicicletta del grande ciclista di Castellania (Alessandria), costruita per lui nel 1945 dal meccanico costruttore di biciclette da corsa romano Edmondo Nulli.

Sono intervenuti numerosi esperti del mondo del ciclismo e il figlio di Edmondo Nulli, Renzo Nulli, oltre che molti appassionati e lo staff di LazioWiki. Il libro, con immagini e documenti assolutamente inediti, ripercorre accuratamente le vicende che videro Fausto Coppi, prigioniero di guerra nel campo inglese di Caserta nel 1945, riprendere a correre con la Società Sportiva Lazio sulla bicicletta del geniale costruttore romano Edmondo Nulli. In questo fondamentale anno, mai analizzato dalla pur vasta storiografia coppiana, si posero le basi per la ripresa agonistica di colui che in seguito sarà ricordato come Il Campionissimo del ciclismo di tutti i tempi . Nell’occasione è stata esposta la bicicletta originale Super Nulli usata da Fausto Coppi nel 1945 e recentemente entrata in possesso della Società Sportiva Lazio.

Hanno partecipato alla presentazione del libro, oltre agli autori : il sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti, l’assessore allo Sport Claudio Marziale ed il Presidente della Polisportiva SS Lazio Antonio Buccioni. L’iniziativa rientra nel cartellone delle eventi organizzati e promossi da “Frascati in Rosa” in attesa dell'arrivo della tappa Orbetello-Frascati.

Roma, Circolo Canottieri Lazio 16 maggio

Nella stupenda cornice del Circolo Canottieri Lazio, davanti ad un pubblico appassionato si è svolta la presentazione ufficiale del libro. Padroni di casa il presidente della Polisportiva Antonio Buccioni e del Circolo xxxx. Tra i presenti ricordiamo Mario Pennacchia, Giancarlo Governi, l'ex direttore del Giro d'Italia Castellano, Tullini, Rappresentanti del Coni, le glorie Anzidei, Matteucci, Gianluca Teodori di RDS, Francesco Bellini e naturalmente i due autori Fabio Bellisario e Giampiero Petrucci, accompagnati dallo staff di LazioWiki.

Dal sito LaLaziosiamonoi

Ieri, nella sede del circolo Canottieri Lazio, al Lungotevere Flaminio 25, la Polisportiva Lazio in collaborazione con LazioWiki hanno presentato il libro “Coppi 1945, una primavera a Roma”. Il personaggio di Fausto Coppi è una leggenda dello sport italiano. Il campione di ciclismo, dopo il periodo di prigionia a Caserta, nel campo inglese, riprese a correre nella primavera del ’45. E lo fece con la divisa della sezione ciclismo della Società Sportiva Lazio. Proprio in quel periodo pose le basi per la ripresa della sua carriera agonistica, per la quale verrà ricordato come “il Campionissimo”. Nel libro, edito da Eraclea e scritto da Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario, si racconta la storia di quell’anno accompagnata da immagini e documenti inediti di quel periodo. Durante la presentazione è stata anche esposta la bicicletta originale, costruita dal romano Edmondo Nulli, usata dal grande ciclista in quella stagione.

Dal sito SololaLazio

Presso il Circolo Canottieri Lazio è stato presentato ieri il libro “Coppi 1945, una primavera a Roma” di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario. Ieri, nella sede del circolo Canottieri Lazio, al Lungotevere Flaminio 25, la Polisportiva Lazio in collaborazione con LazioWiki hanno presentato il libro “Coppi 1945, una primavera a Roma”. Il personaggio di Fausto Coppi è una leggenda dello sport italiano. Il campione di ciclismo, dopo il periodo di prigionia a Caserta, nel campo inglese, riprese a correre nella primavera del ’45. E lo fece con la divisa della sezione ciclismo della Società Sportiva Lazio. Proprio in quel periodo pose le basi per la ripresa della sua carriera agonistica, per la quale verrà ricordato come “il Campionissimo”.

Nel libro, edito da Eraclea e scritto da Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario, si racconta la storia di quell’anno accompagnata da immagini e documenti inediti di quel periodo. Durante la presentazione è stata anche esposta la bicicletta originale, costruita dal romano Edmondo Nulli, usata dal grande ciclista in quella stagione.