De Censi Renato


Renato De Censi
Renato De Censi nella Pro Roma nel 1914
La notizia della morte di Renato De Censi


Difensore, nato a Roma il 6 febbraio 1893 da Pietro e Belli Angela Eleonora, in Via di Porta San Lorenzo, 14. Mentre nell'atto di nascita si trova iscritto come De Cenzi, in tutti gli altri documenti figura come De Censi.

Fu studente, come molti altri pionieri laziali, dell'Istituto Leonardo da Vinci di Roma. Fa parte della squadra riserve che in previsione del 1° campionato ufficiale della Federazione disputato tra 1909 e 1910, giocò contro la Juventus Romana e perse per 3-1 in quanto la squadra titolare riteneva di essere troppo superiore per battersi con i bianconeri. Nel 1911 lo si trova proprio nella Juventus Romana. Nel 1912 risulta tra le file della Pro Roma. Fratello di Remo e Romolo, forti giocatori di varie squadre romane e rimasti gravemente feriti in combattimento, durante il primo conflitto mondiale fu marinaio cannoniere sulla R.N. "Regina Elena" (Il libro dei caduti del Comune di Roma lo indica come 2° timoniere). Perì in seguito dell'affondamento del piroscafo San Spiridione su cui prestava servizio il 27 marzo 1919 nel canale delle Zattere a Venezia. Il natante, diretto a Pola con un carico di benzina e botti di vino Marsala e che aveva un equipaggio di circa 200 fra soldati e marinai, 5 Ufficiali e 9 borghesi, saltò in aria per cause sconosciute appena lasciati gli ormeggi nel molo di San Baseggio, davanti agli stabilimenti di un cotonificio distrutto dai bombardamenti della guerra.

La deflagrazione fu tale che alcuni corpi furono ritrovati sui tetti degli edifici di fronte al molo. Il piroscafo, avvolto dalle fiamme, affondò subito e i molti che si tuffarono in acqua finirono bruciati dalla benzina che aveva preso fuoco, rendendo così quasi impossibile ogni via di fuga. Fu decorato con una Medaglia d'Argento e due di Bronzo al Valor Militare.





Torna ad inizio pagina