Il Ritiro 1960


Stagione

Abetone. Località montana (m 1388 s.l.m.) posta nell'Appennino tosco-emiliano.

La Lazio si riunisce in sede a Roma il 2 agosto 1960. La preoccupante situazione economica e societaria, evidenziata nell'assemblea del 27 luglio, non favorisce particolari accoglienze ai calciatori. Il giorno 3 si svolgono le consuete visite mediche e il 18 la squadra parte in pullman per l'Abetone. Insieme al tecnico Bernardini, al vice Caciagli, al preparatore prof. Urbani e al massaggiatore Fortunati sono a disposizione i seguenti giocatori: Lovati, Del Gratta, Carradori, Prini, Pozzan, Joan, Fumagalli, Vignoli, Carosi, Mattei, Lo Buono, Mariani, Janich, Eufemi, Pezzullo, Visentin, Pagni, Bizzarri e Molino. Guaglianone, che sbarca a Ciampino le sera del 18 agosto e i militari Cei, Rozzoni e Franzini sono esclusi dalla convocazione. La preparazione ricalca quella dell'anno precedente e consiste in pesanti sedute atletiche ed esercizi di tecnica con il pallone. In un secondo momento si effettuano le consuete partitelle interne nelle quali Bernardini impartisce i suoi insegnamenti tecnico-tattici. Il giorno 5 al gruppo si aggiunge il nuovo acquisto Guaglianone. Le notizie dei giornali sui ritiri delle squadre sono molto limitate, in quanto tutta l'attenzione dei media e degli sportivi è rivolta alle Olimpiadi romane che inizieranno a fine agosto. La Lazio fa ritorno a Roma il 24 e la preparazione viene completata negli impianti di Tor di Quinto. La squadra è impegnata in una partita amichevole a Barcellona contro l'Espanol il 7 settembre. Poi incontra il Pisa il giorno 11, il Tivoli il 14 e poi ospita ancora l'Espanol il 22. Il campionato inizia il 25 settembre e mette di fronte a Roma la Lazio e il Bologna.