Melchiorri Manuela


Manuela Melchiorri (foto dal sito S.S. Lazio Nuoto)
Nuotatrice. Nata a Roma l' 11 aprile 1970. Inizia a nuotare nella piscina del Kursaal di Ostia entrando nella squadra ragazze della S.S. Lazio nel 1983. Stileliberista s'impone subito all'attenzione generale con tempi d'assoluto valore per la sua età (2'12"4 sui 200, 4'36"52 sui 400, 9'36"41 sugli 800). L'anno seguente si assicura il Criterium di Primavera segnando sui 200 il tempo di 2'08"90. Divenuta juniores continua a progredire conquistando un titolo di categoria sui 200 e un secondo posto agli Assoluti sugli 800. Il 1986 è l'anno della sua esplosione. Vince il suo primo titolo assoluto sugli 800 e debutta nella nazionale maggiore a Malmoe in occasione della Coppa Europa. Agli Europei dell'anno seguente ottiene un ottimo settimo posto sugli 800 e si aggiudica due titoli agli estivi sui 400 e 800, confermandosi sulle due distanze anche nel 1988. Partecipa alle Olimpiadi di Seul con un sesto posto nella finale B sui 400 e un dodicesimo sugli 800. In occasione degli Europei di Bonn del 1989 è medaglia di bronzo sui 400 e con la staffetta 4 x 200. All' epoca stabilisce nuovi record nazionali ( 4'09"9 sui 400 e 8'26"9 sugli 800) e si assicura tre titoli negli estivi (compreso un successo sui 200 farfalla) e altrettanti nei primaverili. Chiude alla grande la sua avventura in biancoceleste nel 1990 dominando la scena sulle distanze preferite. Il suo curriculum per la Lazio Nuoto è straordinario. Undici titoli assoluti e nove indoor; 2 primati in vasca da 50 entrambi nel 1989 sui 1.500 (16'30'21) e nella staffetta 4 x 200 stile libero (8'10'49) e due primati in vasca corta sui 400 e 800. In nazionale due bronzi agli europei e un argento ai Giochi del Mediterraneo (Latakia, 1987). Nel 1991 passa nei quadri della Imperidomar partecipando ai Mondiali di Perth dove è finalista sui 400 e 800 e l'anno successivo partecipa alla sua seconda Olimpiade a Barcellona. Nel suo palmarès si contano altri due argenti ai Giochi del Mediterraneo. Chiude con l'agonismo nel 1992. E' stata una delle migliori atlete della storia della S.S. Lazio Nuoto e di certo la migliore mezzofondista, con le caratteristiche di "negative - split" che le permettevano di esplodere nella seconda parte della gara, un mix di eleganza e potenza in acqua davvero fuori dal comune.