Modesti Ennio


Ennio Modesti

Centrocampista. Nato a Roma il 3 novembre 1925 e deceduto il 13 aprile 2014.

Figlio di uno storico tranviere dell'ATAC del deposito di Porta Maggiore. Inizia nel Torpignattara, passa alla Cecconi e poi viene notato dai dirigenti biancocelesti che lo portano alla Lazio insieme a Renato Spurio ed inserito nella squadra federale Ragazzi. Il calcio a Roma è condizionato dagli eventi bellici ed Ennio alterna lo sport con lo studio riuscendo a diplomarsi a pieni voti in computisteria. Durante il conflitto gioca nell'Ala Littoria e nel 1944/45 nel Torpignattara. Al termine della guerra trova lavoro alla Croce Rossa e contemporaneamente gioca nella Lazio. Nel 1947 diviene impiegato dell'Italcasse del presidente Costantino Tessarolo e passa a giocare in serie C nel Latina. Nel 1952 chiude la carriera nell'Artiglio in quarta serie. Divenuto alto dirigente dell'Italcasse seguita a giocare per passione nei tornei interbancari. Disputa una stagione da titolare in maglia biancoceleste nel 1945/46. Soprannominato "cagnetta" per il suo roteare le gambe in maniera frenetica durante la corsa.

Con la Lazio colleziona 2 presenze in Campionato.

Trasferitosi agli inizi del 2000 ad Albano Laziale era spesso presente alle periodiche riunioni conviviali di vecchie glorie laziali e romaniste. Attaccante fortissimo non ebbe modo di ottenere il successo che meritava. In una stagione, nel campionato "ragazzi", mise a segno 120 reti e addirittura 16 in una sola partita. Il giorno del suo funerale sulla bara è stata posta una grande sciarpa biancoceleste che lo ha accompagnato nell'ultimo viaggio.

(Si ringrazia la figlia Patrizia Modesti per la collaborazione).





Torna ad inizio pagina