Polverini


Erano detti "polverini" quei tratti di sponda del Tevere che avevano la caratteristica geologica di essere costituiti da sabbia finissima (simile alla polvere, da cui il nome "polverini") e dorata. Ciò costituiva un pregio in quanto i gestori degli stabilimenti fluviali, nel creare i capanni sul fiume che ospitavano i bagnanti nei mesi caldi ai primi del 1900, sfruttavano questi arenili destinandoli ai bagni solari o come approdo dei nuotatori. Uno dei più famosi polverini era quello dell' Albero Bello, nei pressi di Ponte Risorgimento, dove nel 1921 sorse il Circolo Canottieri Lazio.

Uno dei più frequentati Polverini: quello posto immediatamente a valle di Ponte Milvio sulla riva sinistra
I Polverini in alcune foto del 1924