Costa Massimo


Massimo Costa
Massimocosta1.jpg
Con Ghira, Giunta e Ognio nel 1940 (nella didascalia i nomi sono riportati da destra a sinistra)
Massimocosta2.jpg
Una figurina di Massimo Costa
Massimocosta3.jpg
Massimo Costa 1940.PNG


Nuotatore e pallanuotista. Nato a Milano il 1 giugno 1916. Inizia a nuotare in Liguria, dove abita da ragazzo, sotto la guida del padre. Nella sua prima gara nel 1932 al Lido di Milano segna un tempo di 1'24"00 sui 100 s.l. Nel settembre dello stesso anno vince a sorpresa la Coppa Scarioni. Il suo allenatore diviene l'ungherese Dickas. L'anno seguente a Torino partecipa, pur non essendo mai entrato in un Ateneo, ai Giochi Internazionali Universitari con la staffetta 4 x 200 azzurra che si classifica al secondo posto. Entra nella massima categoria e conquista agli assoluti un terzo posto nei 200 s.l. e il suo primo titolo nella 4 x 200 s.l.. Nel 1934 si aggiudica diverse gare nazionali e ad agosto con la Nazionale a Budapest assieme a Costoli, Signori e Giunta batte i fortissimi padroni di casa e gli jugoslavi. A Magdeburgo partecipa agli Europei conquistando con la staffetta il terzo posto. In seguito porta il suo personale sui 100 a 1'1"2 conquistando i primati italiani nelle staffette 3 x 200, 4 x 200, 3 x 50, 3 x 100, 4 x 100. Nel 1937 stabilisce il record italiano dei 100 s.l con 1'0"5 che qualche mese più tardi sarà migliorato da William Lisardi della Lazio. L'anno seguente vince il suo primo titolo tricolore sulla sua distanza preferita, confermandosi anche l'anno successivo. Nel 1940 lascia Milano e la Rari Nantes per raggiungere Roma dove trova un impiego ed entra a far parte della Lazio. Per la società biancoceleste vince tre titoli sui 100 s.l. (1940-1942), uno con la 4 X 200 s.l. con Giunta, Ghira e Ognio (1940) e uno con la 3 x 100 dorso assieme a Caselli e Angeli (1941). Durante gli anni trascorsi a Roma partecipa a diverse gare di fondo sul Tevere e fa parte nel 1941 della squadra di pallanuoto. Torna quindi a Milano riprendendo l'attività agonistica nel primo dopoguerra quando con la Canottieri Olona nel 1946 e con la Lodi Sportiva nel 1947 si aggiudica ancora una volta il titolo tricolore sui 100 metri stile libero.