Koenig Henglebert


Henglebert Koenig

Attaccante, nato a Vienna (Austria) l'8 ottobre 1920 e deceduto a San José (Costarica) il 23 novembre 1997

Figlio di Engelbert König allenatore di Milan, Messina e Foligno, inizia a giocare nel 1939/40 nel First Wien. Nel 1940/41 si trasferisce in Italia per giocare con la Fiorentina. Una stagione con la maglia viola e poi il passaggio al Catania. La Lazio lo preleva dagli etnei nell'estate 1942. Disputa 5 stagioni (compresi i due campionati di guerra) in maglia biancoceleste distinguendosi come ottima punta. Forte fisicamente, calcia con ambedue i piedi e stacca bene di testa.

Nell'estate 1946 viene inizialmente ceduto al Napoli per la cifra di 4,5 milioni di lire, ma non ottenendo il 1 milione che richiede per lui rifiuta il trasferimento. Nel contempo si concentra sugli studi universitari che lo vedono impegnato nel 5° anno di Ingegneria. Dopo aver saltato la fase iniziale della stagione 1946/47 ed essersi riappacificato con la dirigenza biancoceleste, rientra in squadra solo alla 5^ giornata di Campionato, in occasione dell'incontro Lazio-Brescia 6-3 del 20 ottobre 1946, nel corso del quale realizza anche una rete.

Nel 1947 viene ceduto alla Sampdoria, la stagione successiva passa al Genoa (primo scambio diretto tra le due squadre genovesi), quindi al Messina, in serie B.

Con la Lazio colleziona 59 presenze e 29 reti in Campionato, 25 presenze e 30 reti nei due Campionati di Guerra, 2 presenze e 2 reti in Coppa Italia e 17 presenze e 18 reti nei quattro tornei pre e/o post campionato 1943/44, 1944/45 e 1945/46.



Palmares

  • 1 Coppa.png Campionato Romano di guerra 1943/44






Torna ad inizio pagina