Orazi (II) Vezio


Vezio Orazi

Pioniere

Centrocampista, nato a Roma il 1 novembre 1904 e deceduto il 26 maggio 1942.

Nella stagione 1920/21, dopo aver precedentemente militato nella squadra Boys, entra a far parte della prima squadra e insieme al fratello Spartaco Orazi (I) cominciano a far coppia fissa nella mediana biancoceleste. La carriera calcistica di Vezio si conclude nel 1923 mentre quella di Spartaco dura fino al 1924. Nel frattempo la formazione biancoceleste aveva confermato il suo predominio a Roma e arrivò a giocare la sua terza finale nazionale contro il Genoa, e, pur perdendola, Orazi I risultò tra i migliori. Seguitarono, giocando quasi sempre insieme, a scendere in campo fino ai primi anni '30 in varie squadre minori romane tra le quali l'Appio-Metronia e formazioni di "Gentlemen".

Molto legato al regime fascista, negli anni '30 fu un importante dirigente dello sport, impegnato soprattutto riguardo all'organizzazione dei G.U.F. Fu nominato Federale dell'Urbe e prefetto di Cuneo, Gorizia e nel 1941 di Zara. Fu anche Direttore generale della cinematografia al Ministero della Cultura popolare. Era sposato con Renata Ausenda, nota storica della religione cattolica, e aveva tre figli: Maria Romana, Fausto e Lucia. Cadde il 26 maggio 1942 in un'imboscata tesa da partigiani titini ad una colonna militare italiana. I funerali solenni si tennero a Roma nella Basilica di Santa Maria degli Angeli il 16 giugno 1942. E' sepolto al Verano. Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Suo figlio Lucio fu noto giornalista; cosi fu riportata la notizia della sua morte avvenuta nel 1990

Dopo otto mesi di malattia è morto oggi a 51 anni Lucio Orazi, capo redatore del tg1. Lucio Orazi lascia due figli, Vezio e Barbara. I funerali si svolgeranno mercoledi' alle 11 nella chiesa romana di santa lucia, alla circonvallazione Clodia. Romano, Lucio Orazi era entrato nel giornalismo nel 1963, lavorando in numerosi quotidiani, come il Roma di Napoli, Momento Sera e Il Giornale d'Italia. Dal 1977 lavorava alla Rai, al tg1. Anche nel sindacato Lucio Orazi aveva espresso un grande impegno personale e una capacità fuori del comune, prima a livello romano, quindi sul piano nazionale. fra l' 84 e l' 86 aveva diretto il sindacato dei giornalisti della Rai tra i fondatori del gruppo di fiesole, consigliere nazionale della federazione della stampa, nonostante il progredire della malattia, aveva voluto fino all' ultimo assolvere agli impegni sindacali, partecipando al congresso di rifondazione della stampa romana. ( agi).





Torna ad inizio pagina