Valenti Edoardo


Edoardo Valenti

Difensore, nato a Roma il 10 marzo 1922 ed ivi deceduto il 28 luglio 2009. Detto Er zagaja.

Fu scoperto da Dino Canestri durante un provino della Lazio in un campetto di Testaccio (l'Oratorio di San Giovanni Bosco), rione in cui viveva e dove la famiglia possedeva un negozio di abbigliamento, nel luglio 1934. Nel 1940 giocò nella BNL per poi esordire in biancoceleste nel 1941 e il Littoriale lo proclamò miglior giocatore dell'anno. Disputa 6 stagioni in maglia biancoceleste. Il fatto di giocare nella Lazio, nel suo quartiere di nascita di Testaccio, a grande maggioranza romanista, fu considerato un tradimento. In un derby giocato al campo Testaccio un tifoso giallorosso lo insultò pesantemente per tutto l'incontro fino a che la madre del giocatore, presente in tribuna, aggredì l'incauto spettatore fino a farlo precipitare nell'anello inferiore degli spalti.

Insieme ai compagni di squadra Amedeo Rega e Aldo De Pierro fu fermato dai Tedeschi dopo l'attentato di Via Rasella e liberato solo dopo aver dimostrato l'appartenenza ad una squadra come giocatore professionista. Nel 1947 venne ceduto al Perugia. Giocò fino al 1951 ma la sua carriera, che si annunciava brillante, fu condizionata da due gravi incidenti alla caviglia e al ginocchio. Dotato di un ottimo stacco di testa e di eccellente tecnica, riuscì a bloccare i più forti attaccanti dell'epoca e lo stesso Silvio Piola, in allenamento, trovava grandi difficoltà a superarlo. Cessata l'attività agonistica aprì un bar a Testaccio che divenne un covo di sostenitori biancocelesti e più tardi una tabaccheria in Via Nazionale.

Per la sua correttezza e morbidezza negli interventi era soprannominato, in alternativa all'altro di "Er Zagaja", "Pandoro". Con la Lazio colleziona 40 presenze in Campionato.



Palmares

  • 1 Coppa.png Campionato Romano di guerra 1943/44






Torna ad inizio pagina