Il Calciomercato 2002


Stagione

La persistente e progressiva crisi economica della Lazio non consente, nella stagione 2002/03, una campagna acquisti e cessioni di grande spessore. L'investimento maggiore si ha nell'assunzione di Roberto Mancini come allenatore. L'ultimo giorno di mercato il presidente Sergio Cragnotti vende, rispettivamente all'Inter e al Milan, due calciatori che hanno fatto la storia della Lazio, Crespo e Nesta. Il primo era stato un formidabile attaccante e il secondo, il capitano, la vera bandiera della Lazio, romano e proveniente dal vivaio biancoceleste. Il malumore e il dolore dei sostenitori laziali viene represso in considerazione delle sempre più critiche condizioni finanziarie in cui versano le società di cui Cragnotti è proprietario. Passa il messaggio, in sostanza, che la vendita dei due fuoriclasse sia servita a salvare, almeno momentaneamente, la Lazio. A fronte delle due gravi perdite vengono acquistati giocatori di medie capacità su cui rimodellare la squadra. Corradi e Manfredini dal Chievo, Oddo dal Verona, Chiesa dalla Fiorentina, Sorin dal Cruzeiro, Lazetic anch'esso dal Chievo e acquistato nel mercato invernale. Altri movimenti minori riguardano giovani calciatori.