Manzini Maurizio


Maurizio Manzini
Maurizio Manzini
Maurizio Manzini
Zoff, Manzini e Gascoigne

Team Manager, nato a Roma il 25 novembre 1940. Unico Laziale in una famiglia di accesi sostenitori giallorossi.

Alla Lazio in veste ufficiale dal 1988 ma come collaboratore dal 1971. Ebbe il primo impatto con i biancocelesti a Lugano, nell'albergo che ospitava la squadra prima di una partita di Coppa delle Alpi e lui, che lavorava a Milano nella compagnia aerea BEA e tifoso laziale, era andato lì per salutare i giocatori. Trasferitosi a Roma in qualità di Direttore delle vendite della compagnia aerea privata Itavia per l'Italia centrale, si accorse che tra i clienti vi era la Lazio ed ebbe pertanto occasione di organizzare una trasferta a Bergamo. Divenne molto amico del segretario Fernando Vona e costituì il punto di riferimento per i viaggi della squadra. Godendo progressivamente della fiducia di tutto l'ambiente laziale, si legò a Tommaso Maestrelli che cominciò ad invitarlo sempre più spesso a Tor di Quinto.

Manzini si accorse subito della grande improvvisazione in cui viveva la società soprattutto dal punto di vista della gestione operativa e, a titolo gratuito, intervenne brillantemente risolvendo i tanti problemi che quella Lazio a conduzione familiare presentava. Nel frattempo il suo lavoro presso la compagnia aerea diveniva sempre più impegnativo e Manzini arrivò ad assumere la responsabilità di ben cinque agenzie. Nonostante ciò, anche la sua collaborazione con la società biancoceleste si faceva sempre più continua finchè nel 1988 il vice presidente Giorgio Calleri gli propose di divenire Team Manager, figura innovativa nelle società di calcio di allora. Dovendo scegliere tra il suo gratificante lavoro nell'aviazione civile e quello sempre incerto in una squadra di calcio, ebbe dei dubbi che lo portarono a rifiutare la proposta di Calleri, pur seguitando a dare un utilissimo aiuto alla Lazio.

All'inizio del campionato 1988/89 gli fu rinnovata la proposta e questa volta, confortato anche dalla migliore organicità della medesima, accettò. Da allora Manzini è stato il fedelissimo ed efficiente accompagnatore dei biancocelesti su tutti i campi d'Italia e del mondo. Elemento preziosissimo di raccordo tra atleti e società, è stato apprezzato e confermato da ogni dirigente e da ogni allenatore che si sono alternati ai vertici societari e tecnici. Carismatico, serissimo, riservato e altamente professionale ma anche simpatico e alla mano, sa risolvere tutti i problemi che si presentano nella gestione organizzativa di una realtà così complessa come quella di una moderna società di calcio. In panchina la sua presenza è garanzia per il rispetto dei regolamenti e nei rapporti con gli arbitri. E' molto stimato dai calciatori di tutte le squadre (l'attuale capitano della Roma si professa suo amico) e amato da quelli della Lazio.

Parla perfettamente cinque lingue e anche per questo è fondamentale il suo ruolo anche in ambito internazionale. Maurizio Manzini è una memoria storica della Lazio e ancor oggi è elemento distintivo e peculiare della migliore tradizione sportiva biancoceleste.





Il Corriere dello Sport del 9 luglio 2009 dedica una pagina a Maurizio Manzini



Torna ad inizio pagina