Domenica 19 ottobre 1975 - Perugia, stadio Pian di Massiano - Perugia-Lazio 2-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

19 ottobre 1975 - 1862 - Campionato di Serie A 1975/76 - III giornata - inizio ore 14,30.

PERUGIA: Marconcini R., Nappi, Raffaeli, Frosio, Berni, Amenta, Scarpa M. (68' Ciccotelli), Curi, Novellino, Vannini, Pellizzaro S. (12 Malizia, 13 Sollier). All. Castagner.

LAZIO: F.Pulici, Ammoniaci, Martini, Wilson (50' Polentes), Ghedin, Re Cecconi, Garlaschelli, Brignani, Chinaglia, Badiani, Agostinelli. (12 Moriggi, 14 Ferrari G.C.). All. Corsini.

Arbitro: sig. Michelotti di Parma.

Marcatori: 53' Vannini, 78' Pellizzaro G.

Note: giornata di sole, terreno in ottime condizioni. Numerosi incidenti fra opposte tifoserie che hanno portato a 2 feriti e 3 arresti. Esordio in serie A per Andrea Agostinelli classe 1957 e Nappi.

Spettatori: n.d.

Dal Guerin Sportivo n. 44/75
La rete annullata a Garlaschelli
Una discesa di Curi

La Lazio spera di centrare ancora due punti in trasferta ma torna a casa con le pive nel sacco, impallinata dal Perugia alla sua prima vittoria (con reti) in Serie A. I biancazzurri appaiono un po' troppo nervosi e confusionari nella manovra. Va anche detto che nel primo tempo i giocatori biancocelesti si sono visti annullare, ingiustamente, una rete dall'arbitro Michelotti. L'azione parte dai piedi di Brignani che in corsa crossa per Garlaschelli il quale, in velocità, taglia fuori tutta la difesa biancorossa e segna, ma per il guardalinee l'ala biancazzurra scatta in fuorigioco. La marcatura annullata scatena non poche proteste tra le fila laziali. Allo scadere del tempo Chinaglia, su cross di Badiani, colpisce di testa, ma Marconcini alza sopra la traversa. Il Perugia si era reso pericoloso al 16' con Curi (bravo Ammoniaci a salvare in corner) e al 21' con Scarpa, il cui invito non raccoglie nessun compagno di squadra pronto alla deviazione vincente.

Nella ripresa il Perugia si porta maggiormente avanti. Corsini perde Wilson al 50' per infortunio (per lui strappo muscolare). Al 53' i grifoni passano in vantaggio grazie a Vannini, abile a sfruttare di testa un cross di un compagno anticipando Ghedin e Re Cecconi e fulminando un Pulici immobile. La Lazio prova a ripartire, ma la difesa umbra fa un'ottima guardia alla propria porta.

Al 78' arriva addirittura il raddoppio per i grifoni: Vannini crossa basso al centro dell'area dove arriva Pellizzaro che anticipa sia Ammoniaci che Ghedin ed insacca facilmente. Sono tuttavia timide le proteste dei biancazzurri che chiedono il fuorigioco del perugino. Cala così il sipario su una gara giocata male da una Lazio priva di idee e gioco. Corsini dovrà lavorare molto sugli schemi in vista dei prossimi impegni.