Domenica 11 maggio 1975 - Milano, stadio San Siro - Milan-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

11 maggio 1975 1852. Campionato di Serie A 1974/75 - XXIX giornata

MILAN: Albertosi, Sabadini, Zecchini, Turone, Bet, Maldera (III), Bigon, Benetti, Calloni, Rivera, Chiarugi. (12 Tancredi, 13 Anquilletti, 14 Biasiolo). All. Giagnoni.

LAZIO: Pulici F., Polentes, Ghedin, Wilson, Oddi, Martini, Garlaschelli, Re Cecconi, Chinaglia, Frustalupi (60' Nanni), D'Amico. (12 Moriggi, 14 Franzoni). All. Maestrelli (in panchina Lovati).

Arbitro: sig. Michelotti di Parma.

Marcatori: 26' Calloni, 31' Garlaschelli.

Note: giornata con pioggia fitta, terreno in pessime condizioni. Nessun ammonito. Calci d'angolo 11-4 per il Milan.

Spettatori: 25.000 (7.299 paganti). Incasso £. 25.104.300

Il biglietto della partita
Dall'Unità: la cronaca della gara
Bigon colpisce di testa (gent. conc. www.magliarossonera.it)
La rete di Garlaschelli

Nel pantano di San Siro, Milan e Lazio pareggiano una gara fatta di occasioni perdute, reti non segnate per poco e pali. Piove a dirotto su Milano e il pubblico preferisce ascoltare la partita alla radio lasciando i spalti ampiamente vuoti. Contestazione del pubblico presente verso il presidente Buticchi e verso Gianni Rivera, rei di una querelle societaria che va avanti da troppo tempo ormai. La gara è stata vivace, con i rossoneri che hanno colpito due legni. Il primo al 20° con un bel tiro dai venti metri di Sabadini e il secondo al 58° con Benetti. Biancazzurri che hanno giocato in contropiede, lasciando al Milan il centrocampo. Al 26° rossoneri in vantaggio: bella triangolazione Rivera-Benetti-Rivera; centro del capitano verso Chiarugi il cui tiro è ribattuto da Ghedin; palla a Calloni che taglia d'interno un pallonetto che sorprende Pulici. La Lazio, ormai lontana parente della bella squadra dell'anno scorso, reagisce e pareggia in contropiede: corsa di D'Amico sulla fascia cross per Garlaschelli che di testa batte Albertosi. Da questo momento è sinfonia rossonera: 36° Bigon tira fuori. Un minuto dopo è sempre Bigon a colpire di testa su cross di Sabadini, ma senza fortuna. Anche la ripresa è monologo dei lombardi con Bigon al 49° che impegna Pulici. Due minuti dopo Chiarugi di testa fa il pelo al palo. Al 55° cross di Rivera e ancora Bigon liscia la palla bagnata dalla pioggia. Poi il palo di Benetti e al 71° Calloni solo davanti a Pulici si divora la più facile delle occasioni. Lovati, intanto manda in campo Nanni per Frustalupi visibilmente ancora non al meglio della condizione. I difensori laziali non vanno per il sottile e sono molte le punizioni fischiate dall'arbitro in favore del Milan, ma tutte nel limite del regolamento e senza cattiveria alcuna. Prima della fine della partita c'è da segnalare ancora azioni mancate da rete di Chiarugi, Calloni, e Bigon. Per la Lazio un punto importante in ottica di qualificazione alla Coppa U.E.F.A., per il Milan un punto perso in un campionato ancora da dimenticare.