Domenica 19 maggio 1929 - Roma, campo Rondinella - Lazio-Venezia 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

19 maggio 1929 - Campionato della Divisione Nazionale 1928/29 - XXVI giornata

LAZIO: Sclavi, Saraceni (II), Bottacini, Pardini, Furlani, Caimmi, Molinis, Rier, Spivach, Lamon, Griggio

VENEZIA: Santarella, Vesta, Bianchi, Novello, Montesanto, Visentin, Zanotto, Gorini, Grisoli, Padovan, Bonello

Arbitro: sig. Barlassina di Novara

Marcatori: st 31' Rier

Note: Pubblico discreto. Espulsi al 42 st Griggio e Novello e al 43' Vesta. Calci d'angolo 6 a 2 per la Lazio.

Una partita scialba e un po' sconclusionata. Il Venezia mira al pareggio e la Lazio si adatta sui ritmi blandi voluti dai lagunari. Nel primo tempo il numero dei calci d'angolo, uno per parte, fa capire come l'incontro sia stato poco intenso e piatto. Non si registra una sola occasione da rete e i due portieri sono stati impegnati solo per rimesse in gioco o per disimpegni dei compagni. Se il comportamento dei veneti era giustificato, lo stesso non può dirsi per i romani che ancora rincorrono il sogno di qualificarsi tra le prime otto squadre per poter partecipare il prossimo anno al campionato a girone unico. Nella ripresa la partita si accende leggermente e ovviamente sono i biancocelesti a spingere di più. Di tiri in porta però se ne vedono pochi e gli unici pericoli per Santarella vengono dai numerosi corner laziali. Proprio su uno di essi, tirato da Griggio al 31', tra un nugolo di uomini svetta la testa di Rier che spedisce in rete. A quel punto la partita s'incendia e l'arbitro Barlassina è costretto ad operare tre espulsioni. Per i laziali i migliori sono sembrati Pardini e Caimmi, mentre tra i veneziani hanno spiccato Novello, Grisoli e Bonello.