Domenica 26 settembre 1965 - Foggia, stadio Pino Zaccheria - Foggia Incedit-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 settembre 1965 - Campionato di Serie A 1965/66 - IV giornata

FOGGIA INCEDIT: Moschioni, Capra, Valadè, Bettoni, Rinaldi, Tagliavini, Favalli (II), Micheli, Nocera, Lazzotti, Maioli. All. Rubino.

LAZIO: Cei, Zanetti, Vitali, Carosi, Pagni, Dotti, Renna, Bartu, D'Amato, Gasperi, Ciccolo. All. Mannocci.

Arbitro: sig. Gonella (Torino).

Marcatori: 45' Nocera, 57' Ciccolo (rig).

Note: cielo coperto, giornata afosa; terreno in buone condizioni. All'89' espulso Dotti. Ammoniti: Vitali, Carosi, Bartu e Renna per la Lazio; Rinaldi, Tagliavini e Capra per il Foggia. Angoli: 7-2 a favore del Foggia.

Spettatori: 20.000 circa.

In una situazione ambientale bollente, la Lazio conquista un bel punto allo Zaccheria. La ruggine del Campionato precedente non è stata dimenticata e la partita vive di scontri, colpi proibiti e ripicche con l'arbitro Gonella impegnato in un super lavoro. Indisponibile Governato, Mannocci schiera al suo posto Gasperi. Dieci minuti iniziali tutti di marca rossonera con Maioli protagonista di due conclusioni ben controllate da Cei, quindi esce la Lazio. All'11' un tiro di Bartu sorvola la traversa, poi, cinque minuti dopo, Ciccolo costringe Moschioni a una difficile risposta in acrobazia. Segue una fase equilibrata con una gran lotta alla pari a centrocampo. Carosi , Gasperi e Bartu fronteggiano rispettivamente Lanzotti, Micheli e Maioli. L'equilibrio s'interrompe sul finire della frazione di gioco con i "satanelli" che costringono Cei a due impegnative parate, per giungere poi, proprio allo scadere, al vantaggio. Maioli e Tagliavini avanzano in tandem e Carosi rientrando verso la sua area interviene con la punta del piede: il pallone giunge così sui piedi di Nocera che ringrazia per il regalo e mette dentro da pochi metri. Un goal piuttosto fortunoso che infiamma lo stadio. A inizio ripresa i pugliesi tentano subito di mettere al sicuro il risultato e Cei deve ricorrere a tutto il suo mestiere, al 51', per evitare una seconda capitolazione su forte di tiro di Maioli. Cinque minuti dopo arriva invece il pareggio. D'Amato, sino a quel punto abulico e inconcludente, entra di slancio in area venendo contrastato ruvidamente da Rinaldi. Rigore non solare che Gonella concede comunque senza esitazioni. Ciccolo converte con freddezza alla sinistra di Moschioni. La partita s'incattivisce e i cartellini gialli fioccano uno dopo l'altro. A dieci minuti dal termine un tentativo di Bartu non ha esito. Seguono di lì a poco due conclusioni dei rossoneri con gli arrembanti Tagliavini e Bettoni che Cei riesce a controllare. Da un fronte all'altro, Renna spara un bel tiro con Moschioni che si accartoccia a terra. All'89', Dotti, per una plateale perdita di tempo, viene espulso dal campo. Negli ultimi scampoli di gioco il Foggia le prova tutte, ma le conclusioni di Nocera e Maioli, trovano in Cei un baluardo insuperabile. Lazio indenne nella difficile trasferta pugliese e ancora imbattuta in Campionato dopo quattro turni.

Classifica di giornata: Milan, Fiorentina e Napoli (p.7), L.R.Vicenza (p.6), Inter, Juventus, Lazio e Roma (p.5), Brescia, Bologna e Torino (p.4), Foggia e S.P.A.L. (p.3), Sampdoria, Cagliari e Atalanta (p.2), Varese (p.1), Catania (p.0).




Torna ad inizio pagina