Domenica 6 settembre 1964 - Pescara, stadio Adriatico - Trani-Lazio 0-3



Stagione

Coppa Italia 1964/65 - Primo turno.

(xxx^ ufficiale - xxx^ Coppa Italia)

Trani: Biggi, Pappalettera, Galvanin, Bazarini, D'Elia, Carradori, Arfuso, Malavasi, Silva, Franzon (46' Cosmano), Lombardo. All. Marsico.

Lazio: Cei (75' Gori), Zanetti, Dotti, Governato, Pagni, Gasperi (26' Marini), Renna, Fascetti, Piaceri, Christensen, Petris. All. Mannocci.

Arbitro: Schinetti di Brescia .

Marcatori: 5' Governato, 40' Renna (rig), 73' Piaceri.

Note: giornata di sole. Calci d'angolo: 6 - 5 a favore del Trani. Esordio in una competizione ufficiale con la maglia della Lazio per Gori, Dotti, Marini, Renna, Fascetti, Piaceri, Christensen e Petris

Spettatori: 3.000 circa.

Il tabellino de L'Unità
6set64t.jpg
Il rigore trasformato da Renna

A una settimana dall'inizio del Campionato, la Lazio inaugura la sua stagione ufficiale con il primo turno di Coppa Italia. Sul neutro di Pescara vi è di fronte il Trani fresca matricola del torneo cadetto. La partita si mette subito in discesa per la squadra romana che già al quinto minuto va in goal. Dopo un tiro di Fascetti respinto dalla difesa, il pallone passa da Petris a Piaceri e da questi a Governato il quale scavalca un avversario con un pallonetto calciando poi al volo sotto la traversa. Una rete di gran classe quello del "Professore". Il Trani si lancia subito all'assalto costringendo la Lazio alla difensiva. La squadra di Mannocci attende con pazienza che le energie degli avversari comincino a diminuire e così quasi allo scadere del primo tempo matura la possibilità di raddoppiare. In un'azione di alleggerimento Petris crossa al centro trovando la mano dell'ingenuo D'Elia ad opporsi. Renna converte con un dosato rasoterra il penalty assegnato da Schinetti. Nella ripresa il centrocampo laziale ( Christensen - Fascetti - Governato ) sale in cattedra comandando a suo piacere le operazioni. Al 73' giunge la terza segnatura. La firma Piaceri che raccoglie una corta respinta di Biggi seguente una forte conclusione in diagonale di Renna.