Ferrero Luigi


Luigi Ferrero

Allenatore, nato a Torino il 26 febbraio 1904 ed ivi deceduto il 30 ottobre 1984.

Soprannominato in gioventù "acciuga" per la sua magrezza, come calciatore si forma nelle giovanili della Juventus per poi passare in prima squadra nel ruolo di attaccante per lo più all'ala. Nella stagione 1925/26 conquista lo scudetto con i bianconeri. Nel 1927 approda alla Pistoiese, mentre dal 1930 al 1932 milita nell'Inter. Acquistato successivamente dal Bari, rimane in biancorosso dal 1932 al 1937 e chiude la carriera agonistica nella sua città natale, nelle file del Torino, nel 1940. Subito dopo assume il ruolo di allenatore del Bari nella stagione 1940/41 e nelle stagioni 1941/42 e 1942/43 guida il Pescara. La guerra ne interrompe la carriera ma già nelle stagioni 1945/46 e 1946/47, chiamato da Ferruccio Novo alla guida del Torino, vince 2 titoli italiani. Nel 1947 passa alla Fiorentina e vi rimane sino al 1951. La stagione 1951/52 lo vede sulla panchina della Lucchese e successivamente passa alla guida dell'Atalanta dove rimane dal 1952 al 1954.

Costantino Tessarolo lo chiama alla Lazio, fortemente richiesto dal D.T. Roberto Copernico, per la stagione 1955/56 ma dopo 14 giornate il duo Copernico-Ferrero si dimette e al loro posto giunge Jesse Carver. Nella stagione 1956/57 allena l'Inter ma anche qui viene esonerato precocemente. Dopo una sosta durata tre anni, nel 1960 viene chiamato da Paolo Mazza alla Spal dove rimane un anno. Chiude la carriera nella stagione 1963/64 allenando il Prato. Nella Lazio siede in panchina per 14 gare, totalizzando 5 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte. Suo fratello Mario era stato un attore famoso nel mondo dell'avanspettacolo.





Torna ad inizio pagina